Italy

Anche la Federal Communications Commission si schiera: Huawei e ZTE minacce per la sicurezza USA

Con un comunicato stampa ufficiale la Federal Communications Commission ha dichiarato che Huawei e ZTE sono una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Una dichiarazione che estrometterà ancora di più i due colossi cinesi dal settore delle telecomunicazioni statunitensi, ma che potrebbe avere ricadute negative soprattutto per le aziende nazionali.

La FCC (Federal Communications Commission) – l’agenzia governativa statunitense indipendente che si occupa di telecomunicazioni – attraverso un comunicato stampa ha dichiarato ufficialmente che Huawei e ZTE sono una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, prendendo dunque posizione nella guerra commerciale e tecnologica che da più di un anno vede contrapposti Cina e Stati Uniti. È questa la notizia che sta facendo il giro del mondo, sancendo definitivamente il divieto delle due aziende Cinesi di operare sul mercato USA.

Secondo il commissario Brendan Carr, entrambe le società sarebbero infatti collegate alla “Cina comunista” e intenzionate a impegnarsi nello spionaggio industriale su larga scala. L’intero comunicato stampa del resto è inusualmente pieno di affermazioni politiche particolarmente audaci. Il commissario Carr ad esempio ha aggiunto ancora che “l’America ha voltato pagina rispetto all’approccio debole e timido alla Cina comunista visto nel recente passato […] dimostrando la forza necessaria per affrontare le minacce della Cina comunista”. Gli sforzi della FCC inoltre non si fermeranno qui, poiché la Commissione a quanto pare continuerà ad adottare misure che garantiranno “le reti di comunicazione americane da cattivi attori che potrebbero danneggiarle”.

Al di là dei proclami comunque la situazione resta assai complessa. Le reti di telecomunicazione statunitensi infatti dipendono pesantemente dai dispositivi di Huawei e ZTE, soprattutto per quanto riguarda il 5G, senza contare che gli operatori minori avrebbero difficoltà a dismettere le proprie infrastrutture poiché le soluzioni proposte dalle aziende statunitensi ed europee sono al tempo stesso più costose e meno evolute. Per questo, nel recente passato, ai proclami di Trump seguivano poi nella realtà permessi speciali che consentivano di fatto alle aziende nazionali del settore delle telecomunicazioni di continuare a intrattenere rapporti commerciali con i due colossi cinesi.

Dopo la dichiarazione della FCC le società statunitensi potranno continuare a fare affari con Huawei e ZTE, ma non potranno utilizzare le sovvenzioni del Fondo di servizio universale di FCC per “acquistare, ottenere, mantenere, migliorare, modificare o supportare in altro modo qualsiasi apparecchiatura o servizio fornito da Huawei e ZTE”: una situazione delicata, che potrebbe mettere in difficoltà più i propri operatori che non i due colossi. Non è un segreto del resto che gli Stati Uniti siano alla ricerca di soluzioni alternative che recentemente sembrano aver individuato nella tecnologia OpenRAN di cui vi abbiamo parlato ieri. Forse che quest’ulteriore evoluzione verso il definitivo distacco dalle tecnologie cinesi sia dovuto a risultati incoraggianti provenienti dalla sperimentazione?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Facebook, tre domande per riconoscere le fake news (e non condividerle)

next

Football news:

Joan Laporta: le parole di Bartomeu sono una manifestazione di codardia e insolvenza
Neuer about Ter Stegen: ottimo risultato per il Bayern, ma non voglio che i partner della nazionale lo provino
Messi fa male a guardare. Non ha aiutato i gol e gli assistenti, negli occhi-la mancanza di speranza
Il Barcellona licenzierà Setien dopo 2:8 dal Bayern (Fabrizio Romano)
Neymar per la prima volta ha superato il Barça in Champions League dopo il passaggio al PSG
Philippe Coutinho-la navetta è un incubo che ha portato Barcellona molto dolore
Bartomeu sul futuro del Barça: alcune decisioni sono già state prese, altre lo faremo