logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Attentato in Iraq, cinque militari italiani feriti, tre gravi e un soldato ha perso una gamba

KIRKUK (Iraq). Questa mattina si è verificato un attentato esplosivo in Iraq contro militari italiani di ritorno da una missione in zona Kirkuk. Il bilancio è di cinque feriti, tre dei quali in condizioni gravi, ma nessuno in pericolo di vita. 

Un militare ha perso una gamba, come riferito dal comandante interforze, Nicola Lanza de Cristoforis, a Rai News 24, mentre un altro ha subito gravi lesioni interne e il terzo ha riportato danni al piede.

Un ordigno esplosivo rudimentale, nascosto sotto il terreno, è detonato intorno alle 11 locali al passaggio di un team misto di Forze speciali italiane. Due feriti sono del nono reggimento d'assalto paracadutisti Col Moschin dell'Esercito, mentre altri tre appartengono al Gruppo operativo incursori Comsubin della Marina militare. Il team faceva parte della Task force 44 che stava svolgendo attività di addestramento in supporto alle forze speciali dei Peshmerga impegnate nella lotta all'Isis. 

I cinque militari sono stati subito soccorsi, evacuati con elicotteri Usa e trasportati nell'ospedale americano di Baghdad. I soldati erano a bordo di un mezzo corazzato che ha salvato loro la vita. Le famiglie sono già state informate e l'ambasciatore italiano in Iraq, Bruno Antonio Pasquino, nel corso di un collegamento con RaiNews24, ha riferito che domani si avranno maggiori informazioni sullo stato di salute dei feriti.

Si susseguono le dichiarazioni di vicinanza delle più alte cariche dello Stato, così come degli schieramenti politici in modo trasversale, mentre la Procura di Roma intanto ha aperto un fascicolo per attentato con finalità di terrorismo e lesioni gravissime. L'indagine è coordinata dall'aggiunto con delega all'antiterrorismo Francesco Caporale. Il 12 novembre, tra soli due giorni, ricorre il sedicesimo anniversario dell'attentato di Nassiriya del 2003, che costò la vita a 19 italiani.

Themes
ICO