Italy

Cinque brani di Ezio Bosso nei primi dieci della classifica Viral di Spotify

A una settimana dalla morte, Ezio Bosso risulta primo nella classifica Viral di Spotify, la particolare chart che conteggia le maggiori impennate negli ascolti sulla principale piattaforma per l'ascolto di musica in streaming. Quella del maestro d'orchestra e pianista in realtà è una vera e propria conquista, la musica di Bosso occupa infatti cinque delle prime dieci posizioni della classifica, altre tre posizioni tra le prime venti e altre tre tra le prime quaranta. Undici posizioni in tutto quindi, nessuno come lui negli ultimi anni. Il brano con cui il maestro, al quale l'Italia intera ha riservato un saluto commosso in questi sette giorni, occupa la vetta della classifica si intitola Rain, In Your Black Eyes e fa parte dell'album And the Things that Remain pubblicato nel 2016, una delicata suonata per pianoforte, violino e violoncello della durata di 11 minuti.

L'albo d'oro delle chart di Spotify, dove prevalgono regolarmente generi come rap e trap, ci dice che il target di riferimento della piattaforma è quello appartenente a una fascia più giovane. Questa può forse essere considerata l'ultima vittoria di Ezio Bosso, la conquista di un pubblico abituato a un altro sound? Può darsi, ma non è la vittoria di un genere su un altro: il maestro Bosso non l'avrebbe mai permesso, lui che nel 2016 decise di sperimentare una commistione del tutto inedita mischiando la musica del proprio pianoforte alle rime di due fuoriclasse della scena rap italiana come Dj Gruff e Tai Otoshi, proprio sulle note di Rain, In Your Black Eyes. Allora possiamo considerarla una vittoria più che altro del messaggio lasciatoci in eredità da Ezio Bosso dove la musica, tutta la musica, non è altro che un mezzo per rendere migliore il mondo, con il carico di significati legati al rispetto, l'uguaglianza, la tolleranza e la profondità, che da sempre porta con sè.

I perché dei nostri lettori

Perché ritengo il giornale valido con articoli interessanti, redatti da validi giornalisti ed opinionisti. Non ultimo, nonostante sia lontano, sono rimasto attaccato alla mia città, Torino. La possibilità di leggere il giornale online, puntualmente, è per me un vantaggio.

Roberto

I perché dei nostri lettori

La Stampa è autorevole, lineare, ed essenziale. Senza fronzoli. E’ locale e globale. Copre spesso temi e aree geografiche lontane dalle luci della ribalta.

Matteo, Mantova

I perché dei nostri lettori

Sento il bisogno di avere notizie affidabili e controllate sia a livello nazionale che locali. I commenti degli editorialisti sono preziosi, aiutano a leggere tra le righe i fatti.

Angelo, (TO)

I perché dei nostri lettori

Nel 1956 avevo 5 anni e guardavo le foto (le figure) della Stampa che mio padre acquistava ogni giorno. Ho mantenuto l’abitudine paterna, ed in questo periodo, mi è arrivato, da mia figlia, un abbonamento digitale: la ringraziai dicendole che quel cibo per la mia mente, valeva molto di più di una torta di compleanno.

Ezio, Pocapaglia (CN)

I perché dei nostri lettori

Perchè è comodissimo: a disposizione ovunque si sia, disponibile già di notte e a minor costo; ora anche email d'aggiornamento lungo la giornata: cosa si può chiedere di più?

Vittoria, (TO)

Football news:

Bayern gioca in fasce con l'iscrizione della vita nera contano
Messi ha pubblicato una foto con Camp Nou: quanto mi è mancato questo posto
Barcellona ha rifiutato di vendere Fathi per 100 milioni di euro
Pickford su derby con Liverpool: Everton ha la possibilità di vincere. Vogliamo farlo per noi stessi e per i nostri fan
Havertz non giocherà con il Bayern a causa di problemi muscolari
🇷 🇺 Valencia nel Giorno della lingua russa ha pubblicato un appello Cheryshev
Igalo sul razzismo: lascerò il campo se mi imbatto in una cosa del genere. Nessun paese dovrebbe sopportare questo