logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Governo, il calendario della crisi. Conte al Senato martedì, una giornata piena di incognite

La parlamentarizzazione della crisi di governo si consumerà tutta nel giro di tre giorni. O di un giorno solo. Dipenderà dalle mosse di Giuseppe Conte. Se, infatti, il premier deciderà di non voler attendere il voto dell'Aula del Senato sulle risoluzioni della Lega - che in sostanza sono un atto di sfiducia nei suoi confronti - e salire al Colle direttamente per dimettersi, si produrrà un effetto domino che potrebbe travolgere i successivi passaggi parlamentari.

Ma andiamo con ordine ed esaminiamo una per una le tappe del calendario della crisi e le ipotesi in campo.

Martedì 20 agosto: il presidente del Consiglio Conte è atteso in Senato. Alle 15 l'aula si riunirà per ascoltare le sue comunicazioni. Sulle comunicazioni del premier, come prevede il regolamento, possono essere presentate e votate delle risoluzioni che, di fatto, rappresentano atti di sfiducia. Due le opzioni: Conte attende il voto e solo dopo decide il da farsi. Conte non attende il voto e va direttamente al Colle per dare le dimissioni.

Mercoledì 21 agosto: Conte è atteso alla Camera alle 11.30. Ma è il Senato la sede di riferimento per la gestione della crisi. Pertanto, se il premier si è già dimesso, il dibattito a Montecitorio salta.

Giovedì 22 agosto: la Camera si riunisce per votare la riforma sul taglio dei parlamentari. Ma se Conte si è dimesso il lavoro delle Camere si blocca e non può procedere con il voto sulla riforma. Se Conte è ancora in carica si può andare avanti con il voto sulla riforma del numero dei parlamentari: Lega e M5s hanno la maggioranza per approvarla. In caso di dimissioni di Conte, inoltre, il 22 potrebbe essere anche il giorno in cui iniziano le consultazioni al Colle.

Venerdì 23 agosto: una volta avviate le consultazioni, il presidente della Repubblica Mattarella potrebbe affidare l'incarico al premier per formare un nuovo governo.

Lunedì 26 agosto: il premier deve indicare il nome italiano alla Ue per l'incarico di commissario europeo. L'Italia ha chiesto un portafoglio economico.

Martedì 15 ottobre: Entro questa data il governo dovrebbe trasmettere a Bruxelles il documento programmatico di Bilancio (Dpb).

Domenica 27 ottobre: è la data più probabile per tenere eventuali nuove elezioni, se le Camere saranno sciolte già a fine agosto.

Domenica 3 novembre: altra possibile data delle elezioni nel caso le Camere venissero sciolte tra il 3 e 4 settembre.

Martedì 31 dicembre: entro fine anno la manovra deconomica deve essere approvata, altrimenti scattano in automatico l'esercizio provvisorio e l'aumento dell'Iva.

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO