Italy
This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Una nonna che lascia il nipote in macchina per andare al bingo

fatti

@asia buconi|10 ago 2022

sala bingo

Le storie di bambini lasciati a casa stanno diventando sempre più frequenti. Un'auto di una famiglia troppo impegnata con tutti i tipi di faccende domestiche. L'ultimo caso arriva dalla provincia di Treviso. Qui, intorno alle 21:30 di qualche giorno fa, un bambino di 8 anni è stato lasciato in macchina dalla nonna che lo ha condotto in una sala bingo. Questo episodio è stato segnalato da Antenna 3, che ne ha svelato il profilo.

La nonna lasciò il nipote in macchina per giocare a bingo: Che è successo? Sono stata affidata agli anziani. , forse non erano d'accordo con la "passione" (o dipendenza) delle donne per le scommesse e il gioco d'azzardo. La nonna del ragazzino infatti non solo si è dimenticato di lui per ore (cosa che potrebbe esporlo a ogni sorta di rischio, visto che un perfetto sconosciuto è passato dal parcheggio), io avrei continuato a giocare anche se le guardie si fossero rivolte a i locali. Un bambino in macchina è stato notato e un allarme è suonato tra gli avventori della sala giochi attraverso un altoparlante.

La donna, che era quasi in trance, è stata finalmente riportata in sé dall'intervento sul posto dei 912 ed è stata denunciata alla Procura della Repubblica. Ora l'anziana rischia di querelare per abbandono di minori. Il ragazzo, che era molto assonnato e completamente ignaro di ciò che stava accadendo, ora sta bene e fuori pericolo.

La Divisione Assistenza ha commentato la vicenda con comprensibile preoccupazione al Corriere della Sera, evidenziando il fenomeno crescente della dipendenza da gioco nello Stato, affermando: aumento. Continua a sfidare con la forza la vittoria irraggiungibile. La persona dimentica gli impegni presi, come la cura dei minori o altre priorità che richiedono la massima chiarezza e concentrazione. Nel 2021, nelle nostre tre cliniche di Conegliano, Castelfranco e Conegliano, un totale di 191 dipendenti sono stati curati per gioco d'azzardo e 52 familiari hanno sofferto di ricaduta."