Italy
This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

La lista di Renzi era Armageddon per le nazioni non allineate, dice Giuseppe Provenzano

Di fronte alle polemiche sull'esclusione superiore (e sull'inclusione sconcertante), il vicesegretario generale democratico Giuseppe Provenzano difende le scelte compiute in un'intervista al Corriere della Sera. Secondo lui, la candidatura è stata approvata "quasi all'unanimità" e la stagione di Renzian è "attesa da tempo". Questa volta non è successo».

Questa volta ha chiuso alla mezzanotte del 15 agosto. Questo, dice, era perché "le campagne si sono accorciate e dovevano andare al maggior numero di persone", ma soprattutto erano condizionate dal taglio. A parlamentari che “hanno avuto molto peso, è necessaria una selezione forzata e un dialogo complesso, ma ancora di più pesava la mancata riforma di questa cattiva legge elettorale”.

In questo senso, "i Democratici hanno sempre parlato con tutti" e "sono stati altri a rompere la nostra alleanza. Cinquettere, che non ha dato fiducia al governo, così come aveva fatto prima", mentre Calenda "ha tradito la sua parola". , respinto dal mittente: i Democratici sostengono Provenzano. e credibilità internazionale. Poche persone in Italia come Retta hanno quel profilo». Ma ora la preoccupazione principale del Paese è «battere Salvini e Meloni», ha ripetuto. L'Italia, con Meloni come primo ministro, non avrebbe avuto le risorse europee del PNRR, e anzi in Europa lei e le sue amiche hanno sempre votato contro.