Italy

Passeggero crea problemi a bordo: per un volo Alitalia atterraggio fuori programma

Un passeggero «problematico» ha costretto un Boeing 777-200ER di Alitalia in volo da Roma e New York a deviare all’aeroporto di Londra Heathrow. Il collegamento AZ608 — decollato da Fiumicino alle 10.37 — è atterrato nello scalo inglese dopo aver segnalato problemi a bordo mentre sorvolava la Francia. Una volta a Heathrow gli agenti della polizia metropolitana sono saliti sull’aereo e dopo aver chiarito la dinamica hanno deciso di prelevare uno dei viaggiatori. «La polizia è stata chiamata al Terminal 4 dell’aeroporto di Heathrow per un passeggero indisciplinato su volo da Roma verso gli Stati Uniti — ha dichiarato un portavoce delle forze dell’ordine britanniche ripreso dai media locali —. L’uomo è stato fatto scendere dall’aereo ed è stato arrestato sulla base dell’articolo 136 del Mental Health Act».

Volo ripartito

L’articolo 136 prevede il prelievo di una persona con disturbi mentali senza un mandato di un giudice. Contattati dal Corriere dalla compagnia aerea italiana confermano il caso a bordo a causa di quello che secondo i protocolli internazionali viene classificato un «passeggero indisciplinato» (unruly passenger), ma spiegano anche che il comandante — come previsto dagli standard di sicurezza in questi casi — ha scelto cautelativamente di atterrare sul primo aeroporto utile lungo la rotta, Londra Heathrow, senza dichiarare alcuna emergenza. Non è ancora chiaro cosa abbia fatto il viaggiatore. Il comandante, si apprende ancora, non avrebbe nemmeno chiesto la priorità all’atterraggio. Atterraggio a Londra avvenuto regolarmente e il passeggero è stato fatto sbarcare. Il volo AZ608 è subito dopo ripartito per l’aeroporto JFK di New York.

I casi

Da tempo la Iata, l’associazione internazionale dei vettori, chiede un rafforzamento delle norme contro i passeggeri indisciplinati a bordo. «Il 60% circa delle persone che creano problemi non viene punito», calcola la Iata. Nel 2017 — ultimo anno conteggiato dall’associazione — c’è stato un viaggiatore problematico ogni 1.053 voli per un totale di 8.731 casi denunciati, anche se la maggior parte non viene segnalata dalle compagnie aeree. Dal 2007 al 2017 il totale dei casi è di oltre 66 mila. In questi rientrano anche le liti con gli assistenti di volo, con i passeggeri vicini, mancata osservanza delle norme di sicurezza come l’allacciarsi le cinture di sicurezza o spegnere il telefonino.