logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Pesce con calce edilizia: sequestro preventivo per la “Jonica Pesca”

Leggi anche

piacenza-pace-chiesa

Cronaca

In provincia di Piacenza un parroco ha chiesto ai propri fedeli di non scambiarsi il segno della pace durante la messa per non diffondere l’influenza.

bimbo cade balcone

Cronaca

Un bimbo di 3 anni cade dal balcone della sua casa a Pontecorvo, in provincia di Frosinone: stava giocando su una sedia. Ora è in gravi condizioni.

Sea Watch, le immagini dei migranti a bordo della Ong tedesca

Cronaca

I migranti soccorsi dalle due navi ong (Sea Watch e Open Arms) sbarcheranno nei porti di Taranto e Messina.

incidente-stradale-bressanone

Cronaca

Una donna di 49 anni è morta in un incidente stradale avvenuto a Bressanone, in provincia di Bolzano, nella tarda serata del 13 gennaio.

Lo stabilimento ittico "Jonica Pesca" di Giuseppe Valastro, metteva nel pesce pescato calce edilizia al posto di quella alimentare.

pesce calce edilizia

Al posto della calce per uso alimentare nel pesce c’era la calce edilizia. Per la “Jonica Pesca”, una delle maggiori società del settore ittico attive in Sicilia, con sede ad Acireale, è scattato il sequestro preventivo. Il provvedimento del gip è stato eseguito dal personale del comando Carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Catania. A Giuseppe Valastro, 68 anni, amministratore e legale rappresentante della stessa azienda, è stato notificato il divieto di dimora.

Le autorità competenti avevano iniziato ad indagare sul caso negli ultimi mesi del 2018. Tutto partì in seguito ad controllo della polizia marittima, operato dalla Guardia costiera di Catania. Tale controllo era finalizzato alla verifica del rispetto della normativa nazionale e comunitaria sulla filiera ittica presso la società. La “Jonica Pesca” si occupa di stoccaggio, lavorazione e trasformazione di pesci, crostacei e molluschi.

Pesce con calce edilizia

Le indagini hanno anche portato alla scoperta da parte dei Carabinieri del Noe di un pozzo esterno all’area dello stabilimento.

Il pozzo era utilizzato da Valastro, in modo abusivo, per effettuare tutte le procedure di lavorazione del pescato e la pulizia dei locali. Inoltre, l’impresa ha contraffatto e immesso in commercio ingenti quantitativi di prodotti alimentari, in particolare stoccafisso e baccalà, usando in modo illecito, quale ingrediente del prodotto alimentare, della calce edilizia al posto della calce per uso alimentare.

Parallelamente, l’azienda usava ingenti quantitativi di acqua proveniente da un pozzo artesiano abusivo, situato sempre vicino allo stabilimento. L’Asp di Catania ha effettuato le analisi sulla qualità delle acque provenienti dal suddetto pozzo. Ebbene, gli esami avrebbero evidenziato la presenza di un alto tasso di batteri coliformi.

Themes
ICO