I mesi di lockdown si sono trasformati in un incubo senza fine. Giorni e giorni costretta tra le mura domestiche insieme al suo compagno che ormai era diventato il suo aguzzino tra violenze, maltrattamenti e botte. Fino a che non ce l'ha fatta più e ha trovato il coraggio di chiedere aiuto. 

Così nei giorni scorsi una donna di trentadue anni, di Monza, si è presentata in Questura coperta di lividi e ha raccontato quello che era stata costretta a subire per mesi. Raccolta la testimonianza della donna gli agenti della polizia di Stato sono intervenuti e l'uomo, un trentenne originario dell'Est, è stato arrestato in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Monza.

Secondo quanto ricostruito la vittima aveva subito per mesi interi vessazioni, minacce e violenze senza la possibilità di allontanarsi da casa anche a causa del periodo di lockdown scattato in seguito all'entrata in vigore delle misure restrittive per il Coronavirus. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Play

Replay

Play Replay Pausa

Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio

Indietro di 10 secondi

Avanti di 10 secondi

Spot

Attiva schermo intero Disattiva schermo intero

Skip

Attendi solo un istante

, dopo che avrai attivato javascript

...
Forse potrebbe interessarti

, dopo che avrai attivato javascript

...

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

In Evidenza