Italy

Viviana Parisi, tutte le ipotesi sul piccolo Gioele: omicidio, incidente, sequestro

dal nostro inviato
MESSINA — Le ricerche del piccolo Gioele, fino alla tarda serata di ieri vane, hanno un difetto d’origine: la mancanza di certezze. Non si sa se la mattina del 3 agosto, giorno della scomparsa, era davvero con la madre Viviana al momento dell’incidente nella galleria della Messina-Palermo, quando la donna si è allontanata in silenzio (intorno alle 11.30) scavalcando il guardrail per addentrarsi nella boscaglia di Caronia dove poi è stato ritrovato il suo corpo. Se era con lei, ipotesi che gli inquirenti giudicano plausibile, non c’è comunque certezza che fosse in vita. I soli ad averli visti insieme sono due testimoni, probabilmente padre e figlio, dall’accento del Nord Italia, che si sono fermati sulla piazzola di sosta successiva per tornare a vedere cos’era successo.

Le testimonianze

«Abbiamo notato una donna con in braccio un bambino che ha scavalcato il guard rail», avrebbero detto a chi era sul posto per poi andarsene facendo perdere le loro tracce. I due operai delle manutenzioni a bordo del furgone, il mezzo che è stato urtato sulla fiancata dall’Opel Corsa di Viviana, hanno un ricordo vago: «La donna sembrava da sola». Preoccupati delle conseguenze che poteva avere l’incidente all’interno della galleria, hanno preso la direzione opposta a quella della mamma cercando di deviare il traffico per evitare guai peggiori. E mentre loro deviavano, la mamma si dileguava. Ma nessuna certezza esiste fin dall’inizio del drammatico viaggio di Viviana. «Vado a Milazzo a comprare un paio di scarpe per Gioele», ha detto al marito, Daniele Mondello, dj e creatore di musica dance, la passione comune che è stata un po’ il cemento del loro rapporto. Viviana gli ha parlato al telefono, a metà mattinata. «Stiamo verificando anche questo particolare», aggiungono gli inquirenti.

L’autostrada

Comunque sia, a Milazzo, una ventina di chilometri da Venetico dove la famiglia vive, la donna non si è mai vista in un negozio di scarpe. Ha però sicuramente imboccato l’autostrada verso Palermo, dove una telecamera, una delle poche utili alle indagini, ha immortalato la sua Opel Corsa grigia. «Le immagini sono sfocate, non si distinguono i passeggeri — fanno notare gli investigatori — ma anche se fossero nitide e si vedesse il bambino (4 anni, ndr) legato al seggiolino, non potremmo mai sapere se era vivo». L’ipotesi sottende naturalmente lo scenario più terribile, che però, in mancanza di certezze, non viene escluso: il bambino già morto. Cosa che giustificherebbe l’allontanamento di Viviana dopo l’incidente con il figlio in braccio. In questo quadro si sarebbe trattato di omicidio-suicidio, con lei che, dopo aver lasciato Gioele, magari seppellendolo o lasciandolo da qualche parte, ha deciso di farla finita, forse buttandosi dal traliccio alla base del quale è stata trovata.

Le ipotesi

Un’ipotesi che ha però vari punti deboli: il corpo del piccolo non è stato rinvenuto nei paraggi e neppure a Sant’Agata di Militello, dove la dj è uscita dall’autostrada per venti minuti. Amici e parenti parlano poi di una madre amorevole, incapace di dare anche solo un ceffone a Gioele. Altra ipotesi: omicidio di Viviana nella boscaglia e sequestro del bambino. Nella sua tragicità è paradossalmente uno scenario che molti si augurano, perché in questo caso il bambino potrebbe essere ancora in vita. Pesa, però, il macigno dell’improbabile killer-sequestratore casuale, incontrato nella boscaglia.

L’autopsia

Terzo caso, il più carico di speranze ma anche il più fantasioso: Viviana che affida il bambino a qualcuno e poi decide di togliersi la vita. «Gioele non lo lasciava mai, figuriamoci se lo dava a qualcuno che non è della famiglia», tagliano corto gli amici. Infine l’incidente, una caduta, un malore, uno svenimento e lei e il bambino che finiscono preda di animali selvatici. Un’altra immagine da brividi. «È difficile, non abbiamo trovato neppure un capello del piccolo», allargano le braccia gli investigatori. Insomma, un vero giallo. L’autopsia, che verrà eseguita oggi dal medico legale, e sulla quale molti confidano, non lo risolverà ma dirà almeno che cosa è successo a Viviana. Quanto a Gioele, l’impressione è che se non si troverà, la sua fine rimarrà avvolta nel mistero.

Football news:

L'interesse di Barcellona per Isacco è aumentato dopo la nomina di Kuman. Larsson alta opinione sul giocatore (Mundo Seportivo)
Manuel Pellegrini: quando si gioca contro il Real Madrid e VAR - è troppo
PSV e Porto sono Interessati al centrocampo di Barcellona Puig. Egli non vuole lasciare il club
Puyol su Barcellona: se vogliamo vincere il campionato, dobbiamo parlare molto bene
Schalke ha licenziato Wagner. La squadra da gennaio non ha vinto la Bundesliga
Yakini su 3:4 con Inter: anche il pareggio sarebbe un risultato ingiusto considerando quanti momenti ha creato la Fiorentina
Ramos Pro 3:2 con Betis: L'arbitro ha fatto del suo meglio e non ha fatto nulla di intenzionale