Italy

Yemen: le piogge torrenziali distruggono le case di fango di Sana’a, patrimonio Unesco “salvato” dalla guerra. Il video

Non basta la guerra nello Yemen. La pioggia torrenziale che da oltre un mese colpisce il Paese ha fatto crollare le case di fango di Sana’a, gioiello architettonico e patrimonio mondiale Unesco dal 1986. Almeno 130 persone sono morte da metà luglio ad oggi. Lo riporta la Bbc online, precisando che decine di persone sono rimaste ferite.

Le tipiche case bianche e marroni della città vecchia della capitale controllata dai ribelli, risalenti all’XI secolo, sono state a lungo minacciate dalla violenza della guerra in atto da cinque anni, ma finora erano state preservate. Le alluvioni seguite ai violenti nubifragi hanno invece lasciato il segno. Un residente, Muhammad Ali al-Talhi, ha detto alla Reuters – riporta ancora la Bbc – che lui e la sua famiglia sono rimasti senza casa dopo il crollo dell’antico edificio in cui vivevano, avvenuto venerdì scorso. “Tutto quello che avevamo è sepolto dal fango”, ha aggiunto. Gli oltre cinque anni di conflitto nello Yemen hanno portato a quella che l’Onu descrive come la peggiore crisi umanitaria del mondo, sempre più vicina a un punto di rottura. Milioni di persone dipendono dagli aiuti alimentari e si ritiene che il coronavirus si stia diffondendo – nella quasi totale assenza di dati ufficiali – in tutto il Paese.

A guerra, carenza di cibo e malattie, e perfino una invasione di locuste, si sono ora aggiunte precipitazioni del tutto eccezionali che avrebbero fatto collassare oltre un centinaio dei millenari palazzi in mattone essiccato. Altri cinquemila edifici del centro storico sono invasi dall’acqua e rischiano di subire danni irreversibili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Coronavirus, l’allarme dell’Oms: “Virus non è stagionale. Ogni volta che si allenta la pressione, ritorna”

next

Football news:

Lampard parlerà con Kepa e Caballero dopo la firma di Mehndi
Ralph Rangnick: Havertz-Cruyff dei nostri giorni. Non vedo punti deboli nel suo gioco
Il documentario su Varan è stato nominato per il Premio del Festival del Cinema sportivo di Rotterdam
Due giocatori di calcio fittizi hanno giocato per Tuapse. La PFL ha confermato la partecipazione dei giocatori non inclusi nella domanda
Jürgen Klopp: Arteta è un allenatore eccezionale. L'Arsenal ha un buon equilibrio tra difesa e attacco
L'Ufficio del procuratore di Perugia ha sospeso l'indagine sull'esame di Suarez a causa di perdite mediatiche
La ricostruzione dello stadio Dell'Unione da parte dei tifosi è una leggenda di Berlino. I fan di altre persone hanno aiutato, hanno lavorato 30 dicembre al gelo, il guardiano aveva 80 anni