logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
San Marino

Usa, tangenti per far ammettere figli ai college: Felicity Huffman si dichiara colpevole

Si è dichiarata colpevole Felicity Huffman, l’attrice di “Desperate Housewives” travolta dallo scandalo delle “tangenti” pagate per facilitare l’ammissione delle figlie al college, truccando il punteggio degli esami. La 56enne rischia da 4 a 10 mesi di carcere e una multa da 20mila dollari, con la sentenza che è attesa per il prossimo 13 settembre. L’interprete della fortunata serie tv, con cui ha vinto un Emmy nel 2015, si è scusata sia con tutti coloro che lavorano e studiano duramente per essere ammessi in università prestigiose e sia con la figlia, che ha dichiarato ignara delle sue manovre.

Lo scandalo

Huffman è scoppiata in lacrime in tribunale davanti al giudice. L’attrice è tra i 14 genitori famosi o facoltosi che si sono dichiarati colpevoli nell’ambito dello scandalo noto anche come “Operation Varsity Blue” e che coinvolge tra le più rinomate università americane. Tra gli atenei coinvolti, Yale, Stanford, University of Southern California, Wake Forest e Georgetown. Sotto la lente della procura di Boston sono finiti 50 soggetti, tra cui coach e counselor privati. Sono accusati di aver ricevuto mazzette per consentire agli studenti di essere ammessi come atleti sorvolando sulle loro abilità accademiche o sportive. Tra gli accusati, Lori Loughlin, tra le protagoniste della sitcom “Fuller House”, un designer di moda e un avvocato di fama.

Al centro una società pagata per aiutare i figli

Al centro del giro di corruzione, secondo l’accusa, una società di lucro per l’ammissione ai college fondata nel 2007, con sede in California e nota come “The Key” (La chiave, ndr). La società sarebbe stata pagata da genitori ricchi e potenti per aiutare i loro figli a superare con la frode gli esami di ammissione e per confezionare credenziali sportive. William Rick Singer, il proprietario della società, è stato incriminato per crimine organizzato, riciclaggio, ostruzione della giustizia e cospirazione per frodare gli Stati Uniti.

Themes
ICO