logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Holy See

Il Papa ai missionari Pime: evangelizzazione non è proselitismo, non si cercano soci 

«Non c’è una scuola per diventare evangelizzatori. Ci sono aiuti, ma è una vocazione che avete da Dio: o sei o non sei evangelizzatore. E se tu non hai ricevuto questa grazia, questa vocazione, rimani a casa». Sono le parole che Papa Francesco ha rivolto questa mattina ai missionari del Pime, il Pontificio Istituto Missioni Estere, ricevuti in udienza in Vaticano in occasione del 170° anniversario della fondazione. 

«C’è un pericolo che torna a spuntare, che sembrava superato ma torna a spuntare ed è confondere evangelizzazione con proselitismo», ha sottolineato il Papa nel suo discorso, alternando il testo scritto con frasi a braccio. «Questa confusione è un po’ nata da una concezione politico-economicista della evangelizzazione fra virgolette, che non è evangelizzazione. No. È la presenza lì, che ti domandano perché sei così, e lì annunci Gesù Cristo. Non è cercare nuovi soci per questa “società” cattolica».

Invece «evangelizzazione è testimoniare Gesù Cristo, morto e risorto. È Lui che attrae ed è per questo che la Chiesa cresce per attrazione e non per proselitismo, come aveva detto Benedetto XVI. Questo è evangelizzare», ha affermato il Pontefice. «Evangelizzare è la vocazione e l'identità più profonda» dei missionari che sono «una famiglia di apostoli, una comunità internazionale di sacerdoti e laici che vivono in comunione di vita e di attività». 

Il Papa li ha perciò incoraggiati a «mettere la missione al centro»: «Non temiamo di intraprendere, con fiducia in Dio e tanto coraggio, una scelta missionaria capace di trasformare ogni cosa perché le consuetudini, gli stili, gli orari, il linguaggio e ogni struttura ecclesiale diventino un canale adeguato per l'evangelizzazione del mondo attuale».

Francesco ha citato anche il Mese missionario che si terrà il prossimo ottobre, il cui obiettivo, dice, è «risvegliare maggiormente la consapevolezza della missio ad gentes e riprendere con nuovo slancio la trasformazione missionaria della vita e della pastorale». «I missionari siano i protagonisti, per rinnovare lo slancio missionario così che tutta la vita, i programmi, il lavoro, le stesse strutture, traggano dalla missione e dalla proclamazione del Vangelo linfa vitale e criteri di rinnovamento».

Ad introdurre l’udienza con il Papa è stato il superiore generale del Pime, padre Ferruccio Brambillasca, che, in carica dal 2013, la scorsa settimana è stato eletto per un secondo mandato. L’assemblea generale ha eletto anche i suoi quattro consiglieri: padre Fabio Motta, dalla missione della Guinea Bissau; padre Xavier Lourdh, dalla missione del Giappone; fratel Massimo Cattaneo, dalla missione del Bangladesh; padre Raffaele Manenti, già missionario in India e in Thailandia, al momento direttore spirituale nel seminario teologico del Pime.

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO