logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
San Marino

“Paesaggi laterali”, Massimo Salvucci e il Monte Titano di oggi

“Paesaggi laterali”, Massimo Salvucci e il Monte Titano di oggi

PDF Stampa

Salvucci Massimo

di Alessandro Carli

"San Marino - Paesaggi laterali", le visioni sul paesaggio contemporaneo della Repubblica, è la concretizzazione materica – è uscito in formato cartaceo per Bookstones – di un viaggio compiuto con la macchina fotografica da Massimo Salvucci. "San Marino, con un abitato che ha dilagato in una campagna mossa e articolata, è un habitat privilegiato per situazioni che vanno dalle architetture temporanee a secco con materiali anche di risulta, ad accumuli conservativi spesso gestiti con grande cura e reiterazioni generazionali – scrive l'autore -. Ma anche giardini decorativi votivamente con un'impudicizia esplosiva figlia del benessere e dell'esuberanza del vivere, convivenze architettoniche spudorate, ritratti ai automobili, bene iconico e indispensabile. San Marino quindi come 'iper Romagna', anch'essa figlia di un certo 'american way of life' dove la vita lungo la strada si manifesta attraverso richiami e segnali identitari. Un territorio circoscritto ma esaustivo, meno strangolato da regole e normative sempre più esigenti. Il monte Titano d'altra parte, per le sue bellezze naturalistiche e monumentali, è stato ed è ampiamente fotografato; meno indagata mi pare proprio questa realtà interstiziale, privata ma anche pubblica, prova di una vitalità creativa e autoreferenziale: una strategie di sopravvivenza".

Così il Parco di Torraccia, ma anche la rupe della Baldasserona, l'Admiral point di Dogana, il supermercato di Fiorentino, l'Ospedale e Rovereta, il bocciodromo di Acquaviva: intervalli o frammenti catturati al volo, scoperti o alla luce del sole, che raccontano un territorio che è Repubblica e Stato.

Il libro si chiude con un saggio, "Stile libero", scritto da Luca Morganti: "Le foto di Massimo (...) non possiedono luoghi – di qui la sua preoccupazione a designarli ad ogni immagine alla stregua degli enunciati di Magritte – ma di dizionario di un nuovo lessico urbano".

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO