logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
San Marino

San Marino. CONCERTONEL SUONO DELLA PAROLA SABATO 11 MAGGIO 2019 – BASILICA DEL SANTO – SAN MARINO CITTA’ – ore 21.15

CONCERTO

NEL SUONO DELLA PAROLA

SABATO 11 MAGGIO 2019 – BASILICA DEL SANTO – SAN MARINO CITTA’ – ore 21.15

I SOLISTI AQUILANI

DANIELE ORLANDO

Konzertmeister e violino solista

CORALE SAN MARINO

Pamela Lucciarini, Lorena Chiarelli, soliste

FAUSTO GIACOMINI

direttore

Torna con l’ormai “classico” appuntamento “Nel Suono della Parola” la Corale San Marino che quest’anno presenterà l’11 maggio 2019 alle ore 21.15, presso la Basilica del Santo di San Marino Città, un concerto dedicato integralmente al compositore Antonio Vivaldi. Il programma vedrà come protagonista, oltre al coro, la prestigiosa orchestra “I Solisti Aquilani” con Daniele Orlando come Konzertmeister e violino solista che proporrà “Le Quattro Stagioni”, uno dei più grandi capolavori strumentali del compositore veneziano e della storia del barocco italiano.

Le Quattro Stagioni rappresentano anche l’ultimo lavoro discografico dell’ensemble aquilano. Interamente registrato nella Chiesa di Sant’Irene di Castigliano e pubblicato dall’etichetta discografica Muso di Bruxelles, l’album è arricchito dai contributi letterari di Donatella Di Pietrantonio e Dacia Maraini, dall’introduzione all’ascolto di Sandro Cappelletto, e dal lavoro dall’ingegnere del suono Michael Seberich. Ad animare questo progetto – ideato e pensato da Daniele Orlando – sono due visioni, quella che Vivaldi aveva della natura incontaminata, in uno dei primi esempi di quello che nella storia della musica diventerà “la musica a programma” e quella deturpata e malata di oggi.

Nella seconda parte del concerto insieme all’orchestra, la Corale San Marino proporrà un altro capolavoro del compositore veneziano: il Gloria in Re Maggiore RV 589 che sotto la direzione del M° Fausto Giacomini vedrà protagoniste, oltre al coro, le voci soliste di Pamela Lucciarini e Lorena Chiarelli.

Il Gloria è una composizione da annoverarsi fra i capolavori della musica sacra, è di una bellezza che va oltre ogni immaginazione: esuberante e pieno di carattere espressivo che lega in maniera perfetta la musica al significato del testo sacro. Dimenticato per anni, fu riscoperto nel 1920 da Alfredo Casella, che lo ripropose al pubblico nel 1939 a Siena durante “La Settimana di Vivaldi”.

Quindi un appuntamento ricco di fascino ed interesse quello che verrà presentato l’11 maggio e che rinsalda ancora una volta gli stretti rapporti fra la Repubblica di San Marino e la Città dell’Aquila a dieci anni dall’episodio sismico che purtroppo ha devastato il capoluogo abruzzese e la sua provincia.

L’evento è patrocinato dalla Segreteria di Stato per gli Affari Esteri, dalla Segreteria di Stato per l’Istruzione e Cultura, dall’Associazione “Corale San Marino”, dalla cooperativa musicale “Centro Sammarinese Studi Musicali”, dall’ente “L’Aquila siamo noi” e dall’Associazione “I Solisti Aquilani”.

Musica, temi ambientali, e introspezione spirituale rappresentano il filo conduttore del programma che affascinerà ed emozionerà gli ascoltatori che interverranno al concerto, grazie alle musiche prodotte dal genio di Antonio Vivaldi, che ancora una volta, come per magia, riprenderanno vita grazie agli artisti durante l’esibizione.

Corale San Marino

San Marino, 29 aprile 2019

CORALE SAN MARINO

L’Associazione “Corale San Marino” è stata costituita nel 1960. Creata grazie alla felice intuizione del M° Cesare Franchini Tassini, la Corale è cresciuta e maturata grazie all’opera del M° Padre Gaspare Stipa. Dal 1991 la direzione è passata al M° Fausto Giacomini. Nel corso della sua attività la “Corale San Marino” ha rappresentato per la Repubblica di San Marino un importante momento di crescita culturale: le va senza alcun dubbio riconosciuto il merito di aver avvicinato alla musica, attraverso il canto corale, numerosissime persone e di aver dato vita, nel 1975, all’Istituto Musicale Sammarinese, la più importante istituzione musicale sammarinese.

Il repertorio della Corale nel corso degli anni ha abbracciato numerosi generi musicali: dalla tradizione folkloristica alla polifonia classica, dalla musica lirica e sinfonico corale al musical, fino a toccare stili musicali più contemporanei, quali il rock, il jazz, il pop ed anche la discomusic.

Dal 1960 ad oggi ha tenuto numerosissimi concerti a San Marino e nei più significativi centri di cultura corale italiani ed europei operando scambi culturali con altre formazioni musicali e riscuotendo ovunque unanime consenso di pubblico e critica.

Vanno inoltre sottolineate alcune produzioni sinfonico – corali in collaborazione con altre istituzioni musicali della Repubblica, in special modo con l’Orchestra Sinfonica della Repubblica di San Marino e con “I Cameristi” della Repubblica di San Marino del Centro Sammarinese Studi Musicali.

Nel 2001 è uscito il primo CD della Corale “Tra il sacro e il profano”, raccolta di mottetti e madrigali del primo ‘600, seguito, nel 2006, da “O Antica Repubblica, onore a Te”, con la prima incisione dell’Inno Nazionale della Repubblica di San Marino nella versione cantata per coro e orchestra. Nel dicembre del 2008 è uscito “Let’s Musical” registrazione “live” del concerto che raccoglie alcune delle più belle canzoni tratte dai musical più famosi. Nel 2010, in occasione del cinquantennale di fondazione, è uscito “Greatest Hits” una raccolta dei brani più interessanti tratti dal repertorio del gruppo vocale sammarinese.

Nel 2006 la Corale San Marino dà vita al Coro di voci bianche “Piccole Voci” costituito da una trentina di piccoli coristi sammarinesi. Nel 2008 nasce, come ovvia conseguenza, l’Ensemble vocale “The Blues Voices”, formato da una quindicina di elementi di età compresa tra i quattordici e i diciotto anni, gruppo che si esibisce in un repertorio “moderno” e accattivante che spazia dal rock al jazz, dal pop al blues.

I SOLISTI AQUILANI

Si costituiscono nel 1968 sotto la guida di Vittorio Antonellini, su ispirazione e con la collaborazione dell’avvocato Nino Carloni, già fondatore della società dei concerti dell’Aquila. Vittorio Antonellini li ha condotti per oltre trent’anni. Successivamente i direttori artistici sono stati Francesco Sanvitale, Franco Mannino, Vittorio Parisi e Vincenzo Mariozzi. Attualmente la direzione artistica è affidata a Maurizio Cocciolito.

Il Complesso, che si avvale di strumentisti di alto livello che ruotano nei ruoli all’interno della formazione e sono in grado di sostenere parti solistiche di elevato impegno virtuosistico e interpretativo, ha un repertorio che abbraccia le più diverse epoche musicali, da quella pre-barocca alla musica contemporanea, con particolare riguardo ai compositori italiani, senza trascurare interessanti incursioni nel teatro d’opera. Per l’ottimo livello delle esecuzioni, l’alto numero dei concerti effettuati, l’ampio repertorio, la vastissima dislocazione dei centri raggiunti e l’unanime consenso di pubblico e di critica, I Solisti Aquilani hanno conquistato una precisa e insostituibile posizione nel quadro delle più prestigiose formazioni cameristiche internazionali.

Sono stati protagonisti di numerose e importanti tournée in Italia, Europa, Medio ed Estremo Oriente, Africa, America, ospiti delle più prestigiose sale da concerto negli Stati Uniti, in America Centrale e del Sud, Austria, Canada, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Jugoslavia, Libano, Malta, Polonia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Tunisia, Turchia, Ungheria, Egitto, Kazakhstan, Lituania, Slovenia, Croazia, Giappone. Da sottolineare il concerto tenuto nel 2009 a New York nel Palazzo delle Nazioni Unite. Importanti e significative sono state le collaborazioni con grandi musicisti, tra i quali Maurice André, Felix Ayo, Paul Badura Skoda, Hermann Baumann, Renato Bruson, Michele Campanella, Cecilia Gasdia, Severino Gazzelloni, David Geringas, Ilya Gruber, Massimo Mercelli, Stefan Milenkovic, Massimo Quarta, Jean Pierre Rampal, Uto Ughi. Tra il 2014 e il 2016 hanno suonato con Danilo Rea, Roberto Prosseda, Federico Mondelci, Giuseppe Albanese, Flavio Emilio Scogna, Ramin Bahrami, Dee Dee Bridgewater, Bruno Canino, Salvatore Accardo, Peter Eötvös, Umberto Clerici, Luis Bacalov, Andrea Griminelli, Sonig Tchakerian, Ramin Bahrami, Giovanni Sollima, Alessandro Carbonare, Alessio Allegrini, Ilia Kim, Evelyn Glennie e sono stati diretti dal grande compositore e direttore d’orchestra polacco Krzysztof Penderecki. Con Fabrizio Bosso hanno inciso un CD per la casa discografica Universal.

Nel 2013 e 2014 I Solisti Aquilani hanno realizzato due importanti produzioni con il giornalista e storico Paolo Mieli e il matematico Piergiorgio Odifreddi. Sempre nel 2014 hanno eseguito la colonna sonora del docu?film, Quando c’era Berlinguer, di Walter Veltroni, prodotto da Sky Cinema. Numerose sono le incisioni discografiche e registrazioni radiofoniche e televisive realizzate in Italia, America, Germania, Spagna, Svizzera e Giappone. Nel 2015 hanno collaborato come “orchestra in residence” dell’Emilia Romagna Festival 2015 e hanno eseguito l’integrale dei “Concerti Brandeburghesi” di J. S. Bach al Festival di Ravello. Di grande successo il progetto realizzato all’Aquila per I Cantieri dell’Immaginario 2015, “Danzare la Musica”, che ha visto la partecipazione di Carla Fracci. Nel 2015 si sono esibiti all’Expo di Milano e hanno tenuto concerti a Milano (Auditorium della Cariplo), Strasburgo e Parigi. Lo scorso 3 aprile I Solisti Aquilani hanno tenuto un concerto, in diretta radiofonica su Radio3 – RAI , nella Cappella Paolina del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Daniele Orlando è il violino di spalla.

Themes
ICO