logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
San Marino

San Marino. Stefano Canti (Dc) replica a Caterina Morganti

COMUNICATO STAMPA

Carissima Caterina, mi preme ancora una volta, mio malgrado, tornare sul tema della Variante al Piano Particolareggiato dell’area APSA 1 (Cava Antica P.6) e dell’area APSA 2 (Cava degli Umbri P.7). Pur comprendendo, da una parte, le difficoltà che sta attraversando il comparto turistico e commerciale del Centro Storico di San Marino Città ed in particolare la Sua personale, dall’altra parte, tuttavia, non credo che la situazione di oggi sia figlia “…..soprattutto dalla impossibilità di lavorare in modo continuativo e al massimo della potenzialità in una struttura che, per legge, avrebbe dovuto essere ricostruita già dal 2014 (Variante al Piano Particolareggiato della Zona A103 (…) anno 2010) legge che i precedenti governi, a maggioranza democristiana, hanno sempre disatteso, nonostante la presentazione da parte mia di ben tre progetti di ricostruzione”. Sulle “precisazioni strumentali” vorrei cercare di effettuare le seguenti riflessioni.

Credo che le novità introdotte con l’approvazione della Variante al Piano Particolareggiato della Zona A103 Centro Storico di San Marino Città (19 Maggio 2010) a guida “democristiana” siano sotto gli occhi di tutti. Questo nuovo e moderno strumento di pianificazione particolare, in primo luogo, ha permesso di eliminare le vetrine esterne delle attività commerciali all’interno del centro storico, dove ciascuna attività (tutte) si sono adeguate alle nuove disposizioni rinunciando a precedenti diritti acquisiti. In secondo luogo, un altro elemento introdotto è stato quello di consentire la possibilità di demolire e ricostruire i chioschi con destinazione commerciale ed i n.5 chioschi di mescita stabilendo un termine entro il quale provvedere all’adeguamento (31 Dicembre 2014). Di questi n.5 chiosci, con n.1 chiosco è stato raggiunto un accordo per la riqualificazione dell’area a fronte di un indennizzo forfetario pari ad €.50.000,00 (vedi delibera dell’On.le Congresso di Stato n.39 dell’11 Novembre 2014); n.2 chioschi si sono adeguati entro i termini prestabiliti, mentre, i restanti n.2 chioschi (al P.6 e in prossimità della pista di pattinaggio) sono stati inclusi all’interno delle Aree a “Progetto Speciale”. La Tavola P4 “Progetti Speciali Architettonici” della suddetta Variante al P.P. della Zona A103 San Marino Città approvata il 19 Maggio 2010, prescriva che “… i chioschi presenti ed attivi dovranno essere rimossi e/o riposizionati in base al progetto complessivo dell’area e comunque adeguarsi alle norme tecniche di attuazione”. Nel 2012 è stato emesso un Concorso di Idee per elaborare un progetto complessivo delle aree in oggetto, progetto che ha definito in modo univoco, il ricollocamento dei chioschi oggi presenti all’interno del p.6 e in prossimità della pista di pattinaggio.

La premessa si è resa necessaria per meglio far comprendere come, nella scorsa legislatura, la Commissione per le Politiche Territoriali (a guida “Allenza Popolare”) anziché affidare l’incarico al progetto vincitore del Concorso di Idee (o ad altro professionista) – per elaborare il progetto complessivo a vantaggio di tutto il comparto Turistico e Commerciale del Centro Storico di San Marino Città – abbia optato per prolungare il termine di adeguamento delle strutture dei chioschi portandolo al 31 Dicembre 2019.

In questa legislatura invece siamo giunti al paradosso. Il Segretario Michelotti, in qualità di Presidente della CPT, in data 10 Agosto 2018 approva in via preliminare la Variante al Piano Particolareggiato dell’area APSA 1 (Cava Antica P.6) e dell’area APSA 2 (Cava degli Umbri P.7) esclusivamente per lo spostamento dei chioschi di mescita, “SENZA” dare corso alla progettazione complessiva delle intere aree (progetto “STRALCIO”) poi, propone al Congresso di Stato, di affidare un incarico professionale – all’Arch. Bodega (vedi delibera del CdS n.78 del 28 Dicembre 2018) – per la progettazione complessiva dell’intervento di riqualificazione delle aree a progetto speciale APSA1 (Cava degli Umbri) e APSA2 (Cava Antica) che includa un centro benessere di eccellenza definito “Wellness Park”. Infine, ad incarico assegnato, il Segretario Michelotti in data 20 Marzo 2019 approva definitiva della Variante al Piano Particolareggiato dell’area APSA 1 (Cava Antica P.6) e dell’area APSA 2 (Cava degli Umbri P.7) esclusivamente per lo spostamento dei chioschi di mescita. E’ proprio il caso di dire “delle due, l’una” ovvero il progetto complessivo.

In merito al parere contrario della Commissione dei Monumenti, la Signora Morganti confonde la validità di un parere preventivo (come quelli da lei ottenuti nella fase preliminare dei progetti) rispetto ad un parere vincolante – cui al comma 8 dell’articolo 11 della Legge N.140/2017 – espresso sulla proposta di varianti ai PP in oggetto. La realtà dei fatti è un’altra.. Dopo il parere negativo della Commissione Monumenti sulla proposta di Variante al P.P., la stessa Commissione monumenti, ha provveduto ad approvare un progetto modificato (come già spiegato nel precedente comunicato) grazie alla nomina di nuovi membri in sostituzione di quelli dimissionari.

Per quanto riguarda invece la copertura abusiva “normata nella mappatura che ad oggi definisce il perimetro di occupazione del suolo pubblico del chiosco e sul quale l’ufficio fa i conteggi per la tassa di occupazione” mi preme dire che la concessione del suolo pubblico non dà il diritto di chiudere lo spazio con strutture coperte.

In conclusione mi auguro di non aver urtato ulteriori sensibilità, ma una cosa vorrei rimarcarla. “Non è l’approvazione di un Piano Particolareggiato Stralcio che dà la possibilità di aiutare un comparto turistico bensì le infrastrutture che si mettono a disposizione dello stesso comparto…” e il Segretario Michelotti ha messo a disposzione del comparto turistico solo la veranda dove celebrare i matrimoni.

Il Consigliere

Stefano Canti

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO