logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

A Firenze coperta con la vernice la targa di Idy Diene. Profanate 80 lapidi in un cimitero ebraico danese

Coperta con la vernice la targa dedicata a Idy Diene a Firenze. In Danimarca profanate 80 lapidi in un cimitero ebraico.

FIRENZE – La striscia di razzismo e antisemitismo in Italia e in Europa non si ferma. A Firenze, per esempio, è stata coperta con una vernice di colore nero la targa dedicata a Idy Diene, il senegalese ucciso con sei colpi di pistola il 5 marzo 2018. In Danimarca, invece, profanate 80 lapidi in un cimitero ebraico.

Firenze, coperta con la vernice di colore nero la targa di Idy Diene

E’ bufera a Firenze per la scelta di alcuni estremisti di coprire con la vernice di colore nero la targa dedicata a Idy Diene, il senegalese ucciso nel marzo 2019 per “mano razzista“. Le indagini hanno portato al fermo dell’ex tipografo, Roberto Pirrone, che ora si trova in carcere dove sta scontando una pena a 16 anni.

Quanto accaduto – scrive in una nota la CGIL – è una assoluta vergogna. Siamo vicini ai familiari, a quanti hanno voluto bene a Idy e a tutta la comunità senegalese. Non sappiamo se c’è una regia o sono eventi singoli ma serve una risposta ferma di tutte le forze democratiche a questi eventi di matrice razzista. Occorre rilanciare una battaglia a viso aperto per i diritti di cittadinanza e l’accoglienza“.

Targa Idy Diene
Targa Idy Diene
fonte foto https://www.facebook.com/ComitatoCalamandreiPossibileFi

Profanate 80 lapidi in un cimitero ebraico

Ennesimo atto di antisemitismo in Danimarca. 80 lapidi sono state profanate in un cimitero ebraico a Randers. La vicenda è stata riportata da un giornale locale che ha precisato come i vandali hanno dipinto le tombe con graffiti verdi e alcune sono addirittura state rovesciate.

Le autorità hanno aperto un’indagine per cercare di risalire ai responsabili di questo gesto. Netta la condanna del sindaco della cittadina danese, Torben Hansen, che si è detto pronto ad effettuare tutti i lavori in breve tempo: “Abbiamo uno dei più antichi siti di sepoltura ebraici e lo custodiremo per sempre“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/ComitatoCalamandreiPossibileFi

ultimo aggiornamento: 10-11-2019

Francesco Spagnolo

Themes
ICO