Italy

Air Italy, piloti e assistenti di volo a rischio licenziamento: “Niente ammortizzatori sociali, non sappiamo che fare”. Il presidio a Malpensa

Lavoro & Precari

Questa mattina i piloti e gli assistenti di volo della compagnia Air Italy hanno manifestato dentro al terminal 1 dell’aeroporto di Malpensa. In 1450 rischiano di perdere il posto di lavoro dopo la messa in liquidazione in bonis. “Dalla sera alla mattina ci siamo ritrovati a terra” racconta Chiara, un’assistente di volo che lavora in Air Italy insieme al marito. Hanno ricevuto la comunicazione via mail e “il primo pensiero è andato alle nostre due bambine, adesso non sappiamo come andare avanti perché con questa procedura non abbiamo diritto agli ammortizzatori sociali”. Così oggi hanno portato la protesta direttamente ai banchi del check in di Air Italy che sono stati lasciati vuoti da giorni. “Il governo non poteva non sapere perché erano mesi che mandavamo richieste di incontro urgente”, spiega l’Rsa di Anpac Assistenti di volo/Piloti Gianluca Griffo. Gli occhi dunque non sono puntati solo sulla vicenda Air Italy ma su tutto il settore dei trasporti aereo che nell’ultimo anno ha visto circa 190 milioni di passeggeri transitare sul suolo italiano. “Oggi abbiamo due situazioni di crisi, Air Italy e Alitalia, che hanno subito sciacallaggio da parte delle compagnie low-cost – conclude Griffo – queste ultime purtroppo hanno ricevuto sostanziosi riconoscimenti monetari da parte dei governi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Io, dipendente Air Italy, ho scoperto della liquidazione dal sito. Un disastro per noi e per la Sardegna

next

La Playlist Lavoro & Precari

meteo