Torna l’emergenza roghi in Australia: a Canberra si è sviluppato un incendio di vaste proporzioni nella zona dell’aeroporto, costringendo gli abitanti a rifugiarsi in casa. In fiamme un’area di 90 ettari. Il servizio di emergenza verso le 17:30 ha diramato l’allerta alla popolazione, quando era già troppo tardi per scappare: ai cittadini è stato chiesto di non lasciare le proprie abitazioni. “Ora è troppo tardi per andarsene, se non siete nella zona, non tornate”. Il fuoco si sta avvicinando ai sobborghi di Beard, Oaks Estate e West Queanbeyan. “Le persone che vivono in queste zone sono in pericolo e devono cercare immediatamente riparo. Mettersi alla guida ora è estremamente pericoloso, potenzialmente letale”. I vigili del fuoco stanno lavorando da ore per tenere i roghi sotto controllo e il livello di emergenza è stato abbassato.

Appena pochi giorni dopo i violenti temporali e le grandinate che hanno flagellato la regione, gli stati del New South Wales e di Victoria si stanno preparando per un nuovo rischio incendi, visto il ritorno di condizione climatiche favorevoli al fuoco: temperature oltre i 30 gradi e venti forti, capaci di propagare velocemente le fiamme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Luigi Mario Favoloso telefona a Barbara D’Urso e confessa. Ecco la sua versione dei fatti: “Allontanamento per un motivo molto grave”

next