Italy

Bando banchi, li produrranno 11 imprese

Sono stati definiti 11 contratti di affidamento ad aziende e raggruppamenti di imprese, per la maggior parte italiane, per la fornitura di banchi tradizionali e di sedute innovative comunque singoli, dopo il bando di gara indetto dal Commissario per l'Emergenza Domenico Arcuri, per la fornitura di un massimo circa 2,5 milioni banchi - tra cui quelli di nuova generazione - in vista dell'inizio dell'anno scolastico. La consegna è prevista entro il 12 settembre. Al bando avevano partecipato 14 aziende, tra quelle italiane e straniere.

I nuovi banchi prodotti dalle 11 imprese saranno consegnati a partire dai primi giorni di settembre e fino al mese di ottobre la distribuzione dei banchi nei diversi istituti avverrà secondo una programmazione nazionale e una tempistica che terrà conto delle effettive priorità scolastiche e sanitarie dei vari territori, garantendo in tal modo il normale avvio dell'anno scolastico. Lo smaltimento dei banchi sostituiti avverrà secondo le modalità ordinarie, in accordo con Comuni e Province.

In vista dell'inizio del nuovo anno scolastico è previsto uno screening preventivo tramite 2 milioni di test sierologici volontari e gratuiti per insegnanti e personale non docente di tutte le scuole, la distribuzione gratuita di 11 milioni di mascherine chirurgiche e di almeno 50.000 litri di gel igienizzante al giorno. E' quanto si apprende dal Commissario per l'Emergenza, Domenico Arcuri.

Football news:

Chi ha preso Chelsea? Edouard Mehndi 6 anni fa era seduto senza lavoro, ha impressionato Cech e sostituirà Kepa
Solskjaer che il Manchester United ha firmato solo van de Beck: Si mancando di rispetto a Donnie, è un giocatore top
Milano vuole firmare L'attaccante Bude-Glimt Hauge. Ha segnato loro in Europa League il Giovedi
Rivaldo: il Barcellona non sarà facile senza gol di Suarez
Munir di Siviglia ha costretto la FIFA a riscrivere le regole. Ora i giocatori possono cambiare squadra
Lampard parlerà con Kepa e Caballero dopo la firma di Mehndi
Ralph Rangnick: Havertz-Cruyff dei nostri giorni. Non vedo punti deboli nel suo gioco