logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Boissano, uccide la moglie e si taglia le vene. Terza tragedia familiare in due giorni

< img src="https://www.la-notizia.net/tragedia-familiare" alt="tragedia familiare"

BOISSANO – Ennesima tragedia familiare. La terza in due giorni. Un uomo avrebbe soffocato la moglie per poi tentare di togliersi la vita. Si troverebbe ricoverato in gravi condizioni. Il dramma a Boissano, nel Savonese. A lanciare l’allarme e ad allertare i soccorsi un amico, contattato dallo stesso dopo aver compiuto il gesto. Secondo quanto è stato possibile apprendere, i due figli sarebbero stati in casa al momento del fatto, ma stavano dormendo.  E’ ancora sangue in famiglia, quindi, a distanza di soli due giorni dal duplice omicidio e suicidio ad Aosta, dove una donna di 48 anni ha ammazzato i figlioletti di 7 e 9 anni per poi uccidersi con un’iniezione di potassio.Si chiamava Marisa Charrère. Non ce la faceva più. Quella vita le era diventata insopportabile. “Marisa…Marisa…dove sono i bambini?” Le grida disperate dell’uomo sono state seguite dalla tragica scoperta. Sembrava dormissero, quando li ha rinvenuti privi di vita insieme al cadavere della donna. A spiegare i motivi del gesto le lettere rinvenute nell’appartamento.

La donna avrebbe sedato e ucciso i figli con un’iniezione di potassio, la stessa sostanza utilizzata negli Stati Uniti per le esecuzioni. È possibile che la donna se la sia procurata in ospedale. I piccoli sono stati trovati senza vita nel loro letto. Lei si sarebbe uccisa con una terza iniezione. Le indagini sono affidate alla squadra mobile di Aosta e coordinate dal pm Carlo Introvigne.

Ma non è finita. Nel tardo pomeriggio di ieri un 59enne ha ucciso a colpi di fucile il figlio 31enne della convivente all’interno della loro abitazione. La donna si è salvata per miracolo, riuscendo a fuggire di casa per poi rifugiarsi in un negozio situato nei pressi. Sembra che tra i due si fosse accesa una lite. L’uomo aveva in mano una pistola quando il figlio della compagna è riuscito a disarmarlo. Tornato in casa, però, lo ha trovato armato di un fucile. E’ stato così ucciso senza esitazioni. Poi, con la stessa arma, l’uomo si è tolto la vita.

In soli due giorni, la terza tragedia familiare. Le domande sono tante. Ma la prima è: perchè? Come si arriva a decidere di uccidere membri della propria famiglia senza pensarci due volte? E soprattutto, da cosa dipende l’esponenziale molitiplicarsi di questi casi?

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Themes
ICO