logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Chiedeva il "pizzo" come i mafiosi o i camorristi. Un arresto a Francavilla al Mare

Chiedeva il "pizzo" come i mafiosi o i camorristi. Un arresto a Francavilla al Mare

UN ARRESTO PER ESTORSIONE A FRANCAVILLA AL MARE. A seguito di una serrata attività info-investigativa nella giornata di ieri personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto in flagranza del reato di estorsione in danno di un commerciante di Francavilla al Mare (CH), un cittadino albanese di 34 anni e denunciato in stato di libertà per concorso in estorsione anche la sua compagna ventitreenne. L’arresto è maturato a seguito della presentazione presso questi Uffici della denuncia sporta dalla vittima che da circa tre mesi subiva continue richieste estorsive da parte dell’arrestato, di fatto concretizzatesi in diverse dazioni di denaro per un ammontare complessivo di circa 5.500 euro. I due si erano conosciuti casualmente a fine estate proprio presso l’attività commerciale della vittima, la quale ha iniziato a subire, con motivazioni del tutto pretestuose ed assolutamente infondate, continue richieste di denaro con minacce rivolte sia a lui che alla sua famiglia. La vittima, intimorita dal fare e dalla personalità dell’aguzzino, pregiudicato per reati concernenti il traffico di sostanze stupefacenti e reati contro la persona, attualmente in regime di affidamento in prova ai servizi sociali, inizialmente consegnava le somme di denaro richieste sperando potessero servire ad allontanare l’uomo che invece, di fatto, puntualmente tornava a pretendere importi via via più cospicui. Le intimidazioni poste in essere erano sempre più gravi fino ad arrivare addirittura all’ inoltro di un messaggio contenente un’immagine raccapricciante raffigurante resti di un animale corredato da esplicite minacce di morte qualora la vittima non avesse effettuato le dazioni di denaro. Non sono mancate, inoltre, sortite dell’arrestato e della sua compagna sia presso l’abitazione che presso l’esercizio commerciale, ingenerando nella vittima un vero e proprio stato di terrore. A seguito dell’ennesima richiesta estorsiva, il commerciante si rivolgeva a personale di questo Ufficio che, nel pomeriggio di ieri, in Francavilla al Mare, traeva in arresto l’estorsore che veniva denunciato anche per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Themes
ICO