Italy

Coronavirus, vertice tra Conte, Di Maio, Speranza e Borrelli: “Pronti ad adottare nuove misure”

Vertice notturno tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, i ministri di Esteri e Salute, Luigi Di Maio e Roberto Speranza, e il commissario straordinario e capo dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli. La riunione urgente è stata convocata dopo l'esplosione dei casi di coronavirus nel nord Italia, tra Lombardia e Veneto."Questo non è il momento delle perplessità o di rimproverarci qualcosa. C'è da mantenere un monitoraggio costante e verificare le misure in atto, che sono di massima precauzione", ha detto Conte rimarcando che il governo ha "adottato tutte le misure di massimo livello precauzionale" e che pertanto "non è questo il momento per sollevare perplessità".

Il presidente del Consiglio ha anche affermato che ora è importante un "monitoraggio costante" e non ha escluso la possibilità di rivedere le misure prese "per renderle più efficaci". Al termine del vertice ha spiegato: "Sono state adottate tutte le misure dovute e siamo disponibili ad adottarne ulteriori se necessario. Misure per isolare e mettere in quarantena tutte le persone venute in contatto" con i casi certificati di coronavirus. Infine ha concluso: "Rassicuriamo tutta la popolazione che abbiamo attuato tutti i provvedimenti per mettere in sicurezza tutti coloro che sono venuti in contatto con i casi certificati positivi".

Oggi, da Bruxelles, Conte aveva fatto il punto della situazione: "Stiamo circoscrivendo queste aree e disponendo delle misure di isolamento per le persone che hanno avuto un minimo contatto. Abbiamo predisposto delle misure per evitare lo svolgimento di tutte quelle attività che non sono necessarie, abbiamo sospeso attività scolastiche e lavorative ordinarie: I cittadini devono essere rassicurati. Noi seguiamo il caso con la massima attenzione e c'è la massima collaborazione con le autorità sanitarie. In questi casi è l'unica metodologia che dobbiamo attuare. I casi potrebbero aumentare, ma l'importante è circoscrivere le aree e adottare tutte le misure per evitare la diffusione. E questo l'abbiamo fatto".