Italy

Covid: più facile essere contagiati in inverno

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Play

Replay

Play Replay Pausa

Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio

Indietro di 10 secondi

Avanti di 10 secondi

Spot

Attiva schermo intero Disattiva schermo intero

Skip

Attendi solo un istante

, dopo che avrai attivato javascript

...
Forse potrebbe interessarti

, dopo che avrai attivato javascript

...

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Una ricerca internazionale delle università di Udine, Padova e Vienna, pubblicata sulla rivista scientifica Pnas, spiega perché

In inverno è più facile essere contagiati dal Covid. Questo avviene a causa dell'umidità presente nell'aria. Una ricerca internazionale condotta dalla Technische Universität di Vienna e dalle università di Padova e Udine dimostra che le gocce piccole che emettiamo possono rimanere sospese in aria molto più a lungo, virtualmente ore, rispetto a quanto asserito fino ad ora. Due le cause: l’alta umidità dell’aria che buttiamo fuori e il vapore prodotto dalle stesse gocce che evaporano. Inoltre, questo effetto è amplificato dall’elevata umidità invernale che rallenta ulteriormente l’evaporazione delle gocce e quindi aumenta il rischio di diffusione del contagio.

Fino ad ora, i modelli utilizzati, basati su studi degli anni ‘30 e ‘40 assegnano un alto rischio di contagio solo alle gocce grandi, ipotizzando che quelle piccole evaporino velocemente e presto scompaiano. La ricerca, pubblicata dalla rivista scientifica internazionale Pnas, vuole sensibilizzare le autorità sanitarie pubbliche su questo specifico rischio di infezione. Un rischio che, secondo gli autori, è stato sottovalutato nelle attuali linee guida dei diversi istituti internazionali e nazionali che si occupano di Covid e sanità.

"Le piccole goccioline sono infettive più a lungo del previsto, ma questo non dovrebbe essere motivo di pessimismo" spiega Alfredo Soldati, ordinario di fluidodinamica dell’ateneo friulano e direttore dell’Institute of Fluid Mechanics and Heat Transfer della Technische Universität di Vienna. "Ci mostra solo – sottolinea il professore – che occorre studiare tali fenomeni nel modo corretto per capirli. Gli strumenti di ricerca che abbiamo a disposizione adesso consentono di formulare raccomandazioni scientificamente valide, ad esempio per quanto riguarda le mascherine e le distanze di sicurezza. Il nostro team è ora al lavoro per sviluppare un modello semplificato per l’utilizzo in diverse situazioni".

Si parla di

Football news:

Dani Alves ha offerto a barca i suoi servizi. Il 38enne è pronto a unirsi al club dal 1 ° gennaio
Paul Nedved: i razzisti devono essere identificati con le telecamere. Questo è necessario nel mondo di oggi
Non ci saranno trasferimenti per i trasferimenti. Il Presidente del Barcellona Joan Laporta ha parlato dei principi su cui si baserà il lavoro del club sui trasferimenti
Tuchel about Werner: non possiamo aspettare che il giocatore si ritrovi. Vogliamo rilasciare quelli in uniforme
Allenatore Angera su 1:2 con PSG: sostengo var, corregge il 70-80% degli errori. Ma è brutto quando sei in questo 20%
Real Madrid è disposto a pagare Pogba 14 milioni di euro all'anno, il Manchester United - 20 milioni di Centrocampista può ritirarsi dal club inglese in estate gratis
Pochettino su 2-1 con Anger: Mbappe decide il risultato quando il PSG ne ha bisogno