Italy

De Ligt ha un problema con i falli di mano e la Juventus ha un problema con de Ligt

Premessa numero uno: Matthijs de Ligt, dopo le legittime difficoltà riscontrate in fase d'ambientamento, sta disputando una grande stagione con la Juventus. A 20 anni è già diventato titolare inamovibile e punto di riferimento, per di più in costante crescita. Non era scontato, nonostante il talento fosse evidente.

Premessa numero due: nella stragrande maggioranza dei falli di mano, il difensore è sempre penalizzato da un'elevatissima componente di casualità e sfortuna. Spesso il pallone schizza da pochi metri di distanza, assume traiettorie imprevedibili, impatta il braccio in modo del tutto imponderabile.

Ma la situazione di de Ligt in relazione ai falli di mano, a questo punto, inizia a diventare grottesca. Anche preoccupante, dalla prospettiva della Juventus. Sul piano statistico stiamo parlando di una casistica che inizia ad assumere un certo peso: quello contro il Torino è il terzo rigore causato da De Ligt per fallo di mano in questa Serie A (in precedenza era successo contro Inter e Lecce); nel corso della stagione, ne aveva provocato uno con le stesse modalità anche in nazionale (durante Germania-Olanda). Al di là degli episodi in cui è stato punito, si sono verificate almeno un paio di altre situazioni in cui l'olandese ha rischiato grosso (sempre nel girone d'andata, contro Bologna e Torino) ed è stato poi salvato dalle interpretazioni regolamentari degli arbitri.

In tutte queste circostanze de Ligt, evidentemente, non è stato fortunato. Ma è davvero tutta questione di fato avverso o c'è di più? La quantità di casi di falli di mano, sanzionati o al limite, dei quali si è reso protagonista il difensore olandese è ormai importante. Al punto da lasciar pensare anche ad un problema di postura, vista la facilità con cui si fa beccare a braccia larghe in area di rigore. Una tendenza su cui si può lavorare, per quanto possa sembrare bizzarro. Non è raro, anche ad altissimi livelli, assistere ad allenamenti specifici sul modo di posizionarsi con il fisico.

Proprio Maurizio Sarri, ad esempio, si soffermò sui problemi di postura di Raul Albiol nei primi mesi al Napoli: lo spagnolo tendeva ad orientarsi male in campo, in base al posizionamento dei piedi, e si esponeva al rischio di letture difensive sbagliate. Un limite corretto con il lavoro e il tempo, al punto da rendere lo spagnolo uno dei migliori difensori della Serie A. L'allenatore è lo stesso, il difetto è diverso. Il tempo per risolvere il problema, a de Ligt, non manca.

Football news:

Conta su Inter prima di 1/4 Europa League: continuiamo a progredire, diventiamo più forti
Piontek è Interessante per fiorentina. Gerta vuole poco più di 20 milioni di euro
Bardzalli about Grosso sostituiranno Pirlo nella Juventus U23
Daudov su Ahmat: sono sicuro che la squadra Interagirà meglio con ogni nuova partita
Balotelli è Interessante per Besiktas. Egli offre 2,5 milioni di euro all'anno
Matuidi lascerà la Juventus. Ha suggerimenti dalla lega 1 e dalla MLS
Spartacus ha intenzione di ritirarsi dalla RPL a causa del giudice-la vostra reazione?