logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Ecco iPhone Xs, Xs Max e Xr: Apple lancia i nuovi smartphone ma cala in Borsa

SANTA CLARA – Apple lancia i nuovi iPhone e i nuovi Watch, e diventa maxi: fra i nuovi nati c’è lo smartphone XS MAX da 6,5 pollici, il più grande mai messo sul mercato. Ma, per soddisfare tutti i gusti, Cupertino alza il velo anche sulla versione XS da 5,8 pollici e sul più economico XR con schermo da 6,1 pollici.

La novità maggiore questa volta, almeno secondo gli analisti, è però l’Apple Watch: la Serie 4, anch’essa con uno schermo più grande del 30% rispetto alle versioni precedenti, viene perfezionata nell’hardware e nel software, presentando anche un cardiofrequenzimetro in grado di effettuare un elettrocardiogramma, analisi medica che diventa così a portata di polso. Una novità che ha le potenzialità di rivoluzionare parte dell’industria sanitaria, rendendola più a misura dei consumatori e facilitando anche il rapporto medico-paziente. Il tutto senza rinunciare alla privacy: “I vostri dati sono protetti. Ad Apple crediamo che le vostre informazioni personali vi appartengano. Voi decidete chi le può vedere” afferma Jeff Williams, chief operating officer di Apple, dal palco dello Steve Jobs Theatre a Cupertino. “Siamo entusiasti di aver reso l’Apple Watch uno strumento essenziale nella vita delle persone. Ora diventerà anche un prezioso alleato per la nostra salute”, aggiunge prima di lasciare il palco e passare la parola a Tim Cook, per il momento più atteso, ovvero il lancio dei nuovi iPhone.

Apple ne presenta tre, ma a Wall Street non basta: i dispositivi non sembrano avere le caratteristiche innovative attese. E il titolo Apple cala in Borsa, arrivando a perdere l’1,63%. Gli iPhone XS – sigla solitamente usata per segnalare la taglia extra small ma che Apple reinterpreta come extra large – saranno disponibili dal 21 settembre, anche in Italia, e i pre-ordini potranno essere effettuati dal 14 settembre. E’ “il più avanzato iPhone che abbiamo mai creato” dice Cook riferendosi agli XS, dotati di un riconoscimento facciale più veloce grazie ad algoritmi più veloci e del chip A12 Bionic, disegnato appositamente per l’iPhone.

Fra le opzioni a disposizione anche quella con una memoria di 512GB. L’iPhone XS ha la dual Sim con tecnologia E-SIM, facilitando la vita di chi viaggia e una batteria con una vita più lunga: per l’XS dura 30 minuti di più dell’iPhone X, mentre l’XS MAX ha una batteria che dura fino a 90 minuti di più.

A completare la serie c’è l’iPhone XR, disponibile in vari colori a partire da 749 dollari (in Italia da 889 euro), decisamente meno dei 999 dollari di partenza dell’XS e dei 1.099 dell’XS Max. L’atteso evento si chiude con Cook che torna sul palco, ringrazia i dipendenti Apple e offre alcune informazioni di servizio: il 17 settembre sarà rilasciato iOS 12, l’aggiornamento dell’Apple Tv e a breve sarà anche disponibile quello per l’HomePod.

La luce poi cala: l’atteso appuntamento di Apple si chiude con la delusione degli osservatori che attendevano di più da una società arrivata a valere 1.000 miliardi di dollari.

Themes
ICO