logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Eurolandia a più velocità? Quattro grafici per capire come vanno l’Italia e i paesi periferici

Forti che prevalgono sui deboli. Crescita compressa per l’austerità. La storia dell’Unione monetaria, a sentire gli euroscettici, è la storia di una profonda ingiustizia, e di una rigida applicazione di ricette ideologiche e preconcette. Il nostro Paese ne sarebbe uno delle principali vittime. I dati, però raccontano una storia in parte diversa.

Prima della recessione: la corsa dei periferici

PIL IN EUROLANDIA
Base 1999 = 100. Fonte: Eurostat

Dividendo l’area euro in tre grandi gruppi: i Paesi core (definiti un po’ per esclusione), i Paesi periferici (Spagna, Grecia, Irlanda, Grecia, Malta, Cipro), con l’Italia per conto sue per meglio valutare l’andamento della nostra economia in rapporto agli altri due grupppi, emerge che, a partire dal 1999 e fino alla Grande recessione, sono state le economie periferiche a fare decisamente meglio delle altre (+3,5% la media annua, dopo l’ingresso della Grecia), mentre la crescita dell’Italia è rimasta molto bassa (1,5% medio annuo).

La crisi del debito e il grande rimbalzo

IL PIL E LA CRISI FISCALE
Base 2010 = 100.Fonte: Eurostat

La fase più interessante è però quella successiva alla crisi del debito, esplosa in Grecia nel 2010. I Paesi “core” sono stati praticamente risparmiati dalle difficoltà, proprio mentre quelli più deboli vedevano l’attività economica contrarsi rapidamente (nel 2013 era il 93% di quella del 2010), salvo poi riprendersi rapidamente, fino a superare il livello precrisi; anche se non hanno raggiunto il gruppetto core, nel senso che non c’è stata una convergenza. L’Italia ha sofferto meno, ma poi non è riuscita a innescare una vera ripresa.

Periferici molto «generosi»

SPESE PUBBLICHE
Base 1999 = 100. Fonte: Eurostat

L’ingresso in Eurolandia ha condannato i paesi membri all’austerità? Decisamente no: i Paesi periferici hanno visto aumentare la spesa pubblica dell’88% tra il 2001 e il 2010, mentre il Pil aumentava del 19%. Si può anzi dire che la politica fiscale - insieme a quella monetaria, che per esempio ha gonfiato i prezzi degli immobili - abbia gettato i semi della crisi. L’andamento dei Paesi core è stato invece più moderato, come quello dell’Italia, ma in costante crescita.

Il brusco taglio alle spese pubbliche

LE SPESE PUBBLICHE E LA CRISI FISCALE
Base 2010=100. Fonte: Eurostat

In questo caso, a essere più rilevante è l’andamento della fase successiva alla crisi, quando i Paesi periferici - non l’Italia - hanno visto la spesa pubblica crollare rapidamente. In questo periodo sono stati compiuti alcuni errori: soprattutto - come ha riconosciuto il Fondo monetario internazionale - sono stati sottovalutati i moltiplicatori durante la fase recessiva, quando sono indubbiamente più alti, e quindi l’impatto negativo dell’austerità. La ripresa delle economie più deboli, però, è iniziata nel 2013, quando le spesa pubblica erano ancora oggetto di tagli ed è proseguita in una fase in cui sono rimaste ferme : il primo vero aumento si è registrato nel 2018.

© Riproduzione riservata

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO