logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Firenze, coperta con la vernice la targa per Idy Diene

La targa apposta in memoria di Idy Diene nella notte è stata coperta con della vernice nera. Idy, senegalese, aveva 53 anni quando il 5 marzo 2018 fu ucciso a Firenze con sei colpi di pistola. La targa gli era stata dedicata dalle cittadine e dai cittadini antirazzisti e affissa sul Ponte Vespucci, nel punto in cui Idy aveva trovato la morte, e diceva così: "a IDY DIENE assassinato da mano razzista, 5 marzo 2018". A darne notizia su facebook è stata Daniela Chironi, ex candidata al consiglio comunale con Firenze Città Aperta, che sul suo profilo scrive: "L'avete vandalizzata? Noi la rimetteremo!". Ad uccidere Idy Diene era stato l'ex tipografo Roberto Pirrone, condannato a 30 anni di reclusione nel processo svoltosi con rito abbreviato davanti alla corte di assise di Appello di Firenze. In primo grado l'uomo era stato condannato a 16 anni sempre in abbreviato. Nella sentenza di secondo grado la corte d'appello ha riconosciuto l'aggravante dei futili motivi nei confronti dell'imputato, presente in aula, che una perizia aveva riconosciuto capace di intendere.

"Quanto accaduto è una assoluta vergogna. Siamo vicini ai familiari, a quanti hanno voluto bene a Idy ed a tutta la comunità senegalese. Le cronache di questi giorni ci raccontano di simili gesti di matrice razzista e fascista in molte città - così la Cgil in una nota -  Non sappiamo se c'è una regia o se sono eventi singoli - aggiunge il sindacato in una nota -. Quel che è certo è che serve una risposta ferma di tutte le forze democratiche a partire dalle istituzioni a cui chiediamo per l'ennesima volta di chiudere le centrali fasciste che stanno inquinando le nostre città da ormai troppo tempo. Occorre rilanciare una battaglia a viso aperto per i diritti di cittadinanza e l'accoglienza".


 
Themes
ICO