logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Formula 1, le pagelle alla stagione: flop Ferrari, Leclerc batte Vettel. Ma occhio all'arma segreta di Seb

Hamilton - Grandi qualifiche, ritrovata pole. Spinge come fosse la gara più importante. In testa dal primo all'ultimo giro. Atomico. 10 a gara e stagione. 9 alla Mercedes. Perché, per dirla con il magnetico Toto, la perfezione non esiste. O quasi. 

Verstappen - La macchina lo fa tribolare non poco. Secondo. Il futuro è qui. 8 alla gara e ad una stagione buona, al netto delle 'cazzate' in pista. 8 pure alla Red Bull, forte soprattutto nell'ultima parte del campionato. 

Leclerc - Che lotta con Max! Gara che cancella una qualificata pasticciata. 10 podi, 7 pole e 'magie' assortite. Il terzo posto piloti però se lo tiene Verstappen. Ma anche lui guarda al futuro e sorride. Meno prima donna con Vettel, meno rogne. 8 alla gara, 7 e mezzo alla stagione.

Vettel - La gara è 'no'. A parte il sorpasso restituito ad Albon. Meno prima donna con Leclerc, meno rogne. 5 alla gara, 6 alla stagione. La nascita del terzo figlio gli farà bene.

Ferrari - Stagione flop, guardando ad un futuro per forza più roseo (in attesa di Hamilton per il 2021?). Strategie che sembrano arcani, ruoli da rivedere, nì le macchine. Male all'inizio, a Monza un respiro, poi niente di nuovo. Non deve essere facile per Binotto: 6.

Albon - Gode, all'inizio, del doppio pit stop Ferrari, poi chiude sesto. Bene hanno fatto Horner e Marko a passarlo in Red Bull. Solido. Darà il massimo. Gara 6, stagione 7. 

Norris - Addirittura meglio del 'vecchio' Sainz. Chiude ottavo. Promosso col 6 poltico. McLaren? I fasti sono lontani ma l'annata è buona: 7.

Ricciardo - Per un pelo niente punti. Annata da 6. Ma il flop della Renault 2019 è eclatante e fa riflettere come faccia addirittura meglio la 'motorizzata' McLaren: 5. 

Sainz - Sesto posto nella classifica piloti alla fine suo. Qualifiche ottime, gara da dimenticar se non che, nel finale, strappa qualche punto. Super solido. Stagione: 8. 

Hulkenberg - Doveva aspettare l'ultima gara prima del ritiro per strappare un punto? Infatti manco quello. Mai una vittoria, mai così brillante. E niente ha portato ad un Renault piena di limiti ed incertezze. 3.

Perez - E' l'unico a portare (e qualche volta a raccattare) punti da un po' di tempo a questa parte. 6 e mezzo alla stagione. 6 alla Racing Point.

Gasly - Disastroso crash iniziale iniziale con le Racing. Che peccato, visto il ritrovato spirito nella italiana Toro Rosso, Alpha Tauri dal prossimo anno (trovare un nome così brutto richiede impegno). 7 a lui per la stagione. 8 alla squadra, che tiene. 

Stroll - Alla fine esce pure... Inutile sprecare parole. Tanto fra un anno papà lo ritira e arrivederci e grazie. Voto alla stagione: 4.

Kvyat - Lotta con uno 'spento' Raikkonen... e olè. Finisce nono e stavolta porta a casa i punti che di solito fa Gasly. A parte la Germania, nessun lampo, fa il compitino. E 5 e mezzo gli diamo.

Magnussen - Quasi a punti, poi 14 esimo. Ma quella Haas è un calvario. Stagione da 2, a volergli bene.

Grosjean - Non sappiamo se dare meno a lui o alla Haas. Nel dubbio, diamo 0 ad entrambi e buonanotte.

Giovinazzi - Qualifiche barzelletta, in gara il crash con Kubica. 21 gare, 14 punti. Pochini ma tant'è. Riconferma. Sarà contenta la disastrosa Alfa... 2 + 2 = 4.

Raikkonen - Va bene che ormai è in vacanza, ma quest'ultima gara è piuttosto spenta. Suoi la maggior parte dei punti Alfa dell'anno. Stagione da 6 e mezzo.

Russell - Lo potremo giudicare solo su una vera macchina. 5 per il futuro. E sulla fiducia.

Kubica - Vinta a pieni voti la sfida con la vita di tornare in F1 dopo l'incidente. Ma con quella Williams forse era meglio starsene a casa. Finale da 5. Williams: 0.

Bottas - Ha un sussulto e rimonta come un pazzo. Qualifiche 'no' poi dimentica il divorzio e chiude quarto, da 20esimo, grazie ovviamente all'ennesimo motore nuovo. Fa male anche quando fa bene. Stagione da 5.

Pirelli e Fia - Se queste gomme sono così degradabili, e di ciò la prestazione ne risente, è colpa della Federazione, che ha chiesto gomme dalla specifica deboli. 1.

Commissari di gara - Il DRS inutilizzabile per i primi 20 giri. Un danno gravissimo. 0. 

di Leonardo Filomeno
@l_filomeno

Themes
ICO