Italy

Il calcio è ripartito come peggio non poteva. Ora mi aspetto sanzioni esemplari

Sostenitore

Sostenitore

I post scritti dai lettori

Calcio

Il calcio è ripartito come peggio non poteva. Ora mi aspetto sanzioni esemplari

Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Monica Valendino

Il calcio italiano è ripartito e sembra che nulla sia cambiato per quel mondo, mentre il mondo vero, quello che soffre, appare distante anni luce. La Coppa Italia ha già mostrato il peggio del peggio, alla faccia di chi fuori fatica a riaprire le attività a causa di regole (giustamente) stringenti o chi deve solo rispettarle facendo ancora le file o rinunciando a eventi e passioni.

Però il mondo artificiale del pallone sembra non accorgersene. Arrogante tanto da apparire antipatico perfino agli appassionati più fedeli, ha pianto davanti a tutti per poter ripartire garantendo regole che sono apparse perfino strampalate a prima vista. Succede, infatti, che le squadre in campo entrino non contemporaneamente; mentre sul terreno di gioco devono scontrarsi, succede che non ci si possa dare la mano e tenere le distanze dagli arbitri.

Poi però succede che il Napoli alza il suo bel trofeo (senza nemmeno pensare alle vittime di questi mesi) esultando come se nulla fosse, senza che nessuno intervenga per evitare che Gattuso fosse lanciato in aria dai suoi giocatori che si stringevano tra loro. Ma la tragicommedia messa in scena non finisce all’Olimpico. Nella città partenopea caroselli e migliaia di persone per strada, senza mascherine, senza distanze, senza nulla.

E senza nemmeno una parola del presidente federale Gravina che non voleva fare il “becchino del calcio”, ma che evidentemente non disdegna i soldi che arrivano da sponsor e tv. Ora proprio dalla Figc e dalla Lega ci si attende qualche decisione forte: non solo multe salatissime (proporzionali a quelle inflitte a due persone che ingenuamente si abbracciano per strada), ma anche squalifiche perché se il calcio dev’essere un esempio allora si prenda le sue responsabilità.

A meno che non sia come diceva Pierpaolo Pasolini lo specchio della società. Ovvero di un’Italia da troppo tempo forte con i deboli e debole con i forti, ovvero con chi ha i soldi e quindi comanda. A quel punto allora non si chiedano più agli italiani sacrifici, si dica che è tutto finito e ognuno faccia quel che crede. Si riaprano scuole, concerti, assemblee e via dicendo perché non è ammissibile che ci sia sempre qualche furbo che la fa franca e altri che devono rispettare tutto.

Comunque complimenti ancora per un inno nazionale sbagliato, spettatori finti come in un videogame e un gioco che dopo tre mesi sembra quello di vecchie glorie di nuovo in campo. Se questo è quel che volevano se lo tengano, ma per rispetto di quanto sta accadendo nel mondo si smetta di essere ipocriti.

E si guardi al Bayern Monaco, neo campione di Germania, che al fischio finale della gara che lo ha incoronato ha esultato senza che nessuno dei suoi giocatori si sentisse in dovere di fare baldoria. Poi qualcuno si chiede pure perché in Europa tutti ci vedono come furbetti e opportunisti.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Festa a Napoli per la Coppa Italia. Guerra (Oms): ‘Sciagurati’. Salvini: ‘De Luca dov’era?’. De Magistris: ‘Contagio della felicità’

next

Articolo Successivo

La Gazzetta dello Sport, cambia il direttore: Monti lascia dopo 10 anni. Per lui c’è l’ipotesi di capo comunicazione delle Olimpiadi 2026

next
meteo

Football news:

Eric Djemba-Djemba: Pogba e bruna sarebbero seduti in riserva con Scholes e Keen
Klopp sul campionato: non si paragonerebbe mai a Dalglish e Shankley
Dimitar Berbatov: in precedenza si trattava di un campionato del Manchester United, ora - sulla top 4
Zidane vuole vedere Manet nella vita reale, ma il club non può permettersi questo trasferimento
Manchester United e Man City hanno fatto richieste su Griezmann. Barcellona non vuole lasciarlo andare
Alaba e Koulibali sono tra gli obiettivi di trasferimento di Guardiola. Vuole iniziare la ristrutturazione A Man City
La nuova forma di Chelsea è ispirata ai sarti di Londra. Con il logo Three, la squadra di Lampard ha subito perso tre dal West Ham