logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Il crollo della star vegana ripresa a mangiar pesce:  «Sto male, vi chiedo perdono»

Su Instagram, dove ha un milione e 300 mila abbonati, la 29enne Yovana Mendoza si mostra in bikini sulla spiaggia mentre esulta impugnando una papaya. Oppure si fa ritrarre nella cucina di casa a Newport Beach, California: sorriso aperto, denti bianchissimi, pochi vestiti, pelle levigata e tra le braccia un cesto pieno di meravigliosi e coloratissimi peperoni, cavoli e broccoli offerti al mondo. Yovana è nota come Rawvana perché da sei anni propaganda il crudismo vegano (raw veganism): si ciba, o dice di cibarsi, solo di frutta e verdura cruda, avendo eliminato ogni tipo di proteina di origine animale come latte, uova, carne e pesce.

Il crollo della star vegana sorpresa a mangiare pesce «Vi chiedo perdono»

Studi in Francia, sposata al coetaneo Dorian Ayres impegnato in varie start-up salutiste, la influencer californiana ha un milione e 900 mila abbonati su YouTube, e il sito Rawvana.com dove in inglese e spagnolo parla di pace, amore, felicità e «alti livelli di energia» a portata di mano come una zucchina, vendendo a soli 99 dollari un transformation kit per perdere peso, tossine e diventare persone nuove e migliori grazie alla sua dieta crudista e vegana.

Solo che qualche giorno fa Rawvana è andata in vacanza a Bali, un’amica — naturalmente bella e giovane, i requisiti di ingresso in quel mondo — l’ha filmata al ristorante, e nell’inquadratura è finito anche il piatto. Rawvana se ne accorge, continua a sorridere guardando l’obiettivo, prova a nascondere l’imbarazzo e anche il cibo spostando in avanti gli avambracci ma ormai è troppo tardi: stava mangiando pesce, e adesso il mondo intero lo sa.

La delusione dei fan è enorme. Ci sono celebrità notoriamente vegane, come Ariana Grande, Beyoncé o l’iniziatore del trend, il vecchio Paul McCartney, e poi vegani che devono la loro celebrità proprio al fatto di essere tali. Negli ultimi mesi le fortune di questi ultimi sono decisamente in calo: l’australiana Freelee the Banana Girl che sosteneva di avere sconfitto la tossicodipendenza e l’obesità mangiando banane (fino a 51 in un giorno) è stata sbugiardata; lo youtuber britannico Tim Shieff ha ammesso di avere mangiato salmone e uova per superare problemi digestivi, fatica e depressione e per questo è stato estromesso dal marchio di abbigliamento ETHCS che aveva fondato; l’altra australiana Bonny Rebecca che propinava ricette «senza coltello», prive di carne, ha annunciato di avere problemi alla pelle e di essere costretta, dopo cinque anni, ad abbandonare lo stile di vita vegano.

Il caso di Rawvana, ormai crudelmente soprannominata FishVana in omaggio al pesce nel piatto, è clamoroso. Una delle sue ultime ricette su Instagram, una patata con fagioli, limone e avocado, ha ricevuto migliaia di commenti: icone di pesci e insulti vari, mentre alcuni le consigliano di trovarsi un buon psichiatra.

Venerdì scorso la ragazza si è rivolta ai fan con un impressionante video lungo ben 33 minuti, nel quale entra (fin troppo) nel dettaglio delle sue condizioni di salute: da due anni ha perduto il ciclo mestruale, poi è stata colpita da infezioni intestinali e vaginali, e i medici l’hanno obbligata a reintrodurre cibi di origine animale nella sua dieta, cosa che lei sostiene di avere fatto solo due mesi fa. «So che vi sentite traditi — dice Rawvana —, e vi chiedo perdono». Il racconto minuzioso e un po’ nevrotico di anni di esami medici, digiuni «energizzanti» e stress distrugge l’utopia a colori pastello della ormai ex star vegana.

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO