logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

La lettera della figlia Norma a Felice Gimondi: “Vorrei poterti dire: alzati papà”

Venerdì scorso a Giardini Naxos è morto Felice Gimondi, uno dei più grandi ciclisti di sempre, uno dei sette corridori capaci di vincere tutte le tre grandi corse a tappe, e uno dei più grandi atleti italiani di tutti i tempi. Gimondi ha avuto un attacco di cuore mentre stava nuotando e per lui non c'è stato niente da fare. La figlia Norma ha scritto una lettera al papà: "Il migliore che si possa avere", una missiva commovente pubblicata sul ‘Corriere della Sera':

Caro papà, da bambina quando partivi per il Giro d’Italia la mamma faceva scrivere a me e Federica una letterina per farti compagnia la sera, di rientro dalla tappa. Era un modo per dirti e farti capire che anche se non eri con noi, noi eravamo con te ovunque. Scrivo questa — la lettera che più ho temuto di dover scrivere — perché oggi più che mai io, mamma e Federica abbiamo bisogno che tu sia con noi. Con le tue poche parole ma con i tuoi tanti fatti, ci hai amato immensamente. Il tuo cuore grande e forte non ha retto e ora sei qui su questo tavolo, in questa stanza gelida. Vorrei poterti dire: alzati papà, ci sono tanti che fanno il tifo per te.

La figlia del campione, che per oltre quindici anni ha vinto in tutto il mondo e che ha battagliato con il suo grande rivale Eddie Merckx ha ricordato i valori con cui è cresciuta e ha ricordato i tanti ‘gimondiani' che ancora oggi sono pronti a sostenerlo e acclamarlo:

Ci sono gli amici di sempre, i «gimondiani» che sono ancora qui ad acclamarti e ci siamo anche noi: io, mamma e Federica che vogliamo vederti ancora una volta sorridere. Ci hai cresciuto come te: poche parole, azioni concrete. Ci hai insegnato il rispetto per l’avversario e, soprattutto, a non arrenderci mai come faremo anche noi: le tre donne di cui devi essere orgoglioso sono forti e unite. Promettimi che da lassù continuerai a guardarci, a tenerci per mano, anzi, a ruota.

Infine, Norma Gimondi ha ricordato il successo al Tour de France, il più bello della carriera di Gimondi che partito da Sedrina è riuscito a vincere tutto, anche il Mondiale nel 1973:

Tu che hai lottato fin dall’inizio, partendo a 22 anni da Sedrina e arrivando in giallo a Parigi. Vorrei portarti sempre nel mio cuore con quella maglia gialla numero 123 perché tutto è iniziato lì. Ora tutto sembra finito ma tu ci hai insegnato che nella vita si lotta tutti i giorni per ciò in cui si crede anche quando gli altri ti danno per perdente. Ora riposa, papà: questa tappa è finita. Sei il miglior papà che si possa avere. Ti amiamo sempre, fino alla fine. Norma con mamma e Federica.

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO