Italy

Matera, uccide il nonno di 91 anni a coltellate e bastonate: arrestata 26enne. “Colpi alla testa, ha agito con crudeltà”

L'omicidio è avvenuto lo scorso 7 gennaio: era stata proprio la donna ad avvertire la Polizia perché l'anziano parente non le rispondeva al telefono. La donna è stata incastrata dal dna trovato sull'arma e da alcuni fotogrammi che aveva cercato di nascondere

Ventisei coltellate e undici colpi di bastone: così lo scorso 7 gennaio era stato ucciso Carlo Antonio Lopatriello, 91 anni, nella sua abitazione di Marconia di Pisticci, in provincia di Matera. Oggi la Polizia ha arrestato la nipote, Carmen Federica Lopatriello, di 26 anni, con l’aggravante di aver agito con “crudeltà“: alla base ci sarebbero litigi per motivi economici, sfociati nella violenta aggressione.

Le indagini della squadra mobile, coordinate dalla procura di Matera, si sono da subito concentrate sull’ambito familiare: era la nipote Carmen a prendersi cura da cinque anni dell’anziano, curandone la casa e gestendo la sua pensione. Era anche diventata una delle intestatarie dei beni di proprietà dell’uomo. Ed era stata proprio la nipote, il 7 gennaio, a chiamare la Polizia perché “preoccupata” dalla scomparsa del nonno che non le rispondeva al telefono.

Ad incastrare la 26enne sono state le tracce del dna ritrovate sul bastone, subito individuato come arma del delitto. Degli undici colpi, ha spiegato la Questura in conferenza stampa, “la maggior parte sono stati violenti alla testa“. Secondo la polizia la donna avrebbe agito in “over killing“, cioé non riuscendo a contenere la furia e la rabbia innescate dal litigio, nato per motivi economici e per critiche al suo stile di vita. Altre tracce di dna misto (sia del nonno che della nipote) sono state trovate anche sulla felpa indossata dalla 26enne il giorno dell’omicidio. Secondo gli investigatori, alcuni giorni dopo l’omicidio ha buttato nei pressi di una piazzola di sosta un paio di scarpe di color fucsia, riprese da una telecamera di videosorveglianza della casa di Carmen Federica Lopatriello. Su loro richiesta, ha consegnato tutti i fotogrammi registrati dalla camera, tranne tre: questo particolare ha insospettito gli agenti, che sono poi riusciti a estrapolarli. Nelle immagini si vedevano infatti le scarpe rosa fucsia, compatibili con un’impronta di sangue sul pavimento della casa del nonno. La Polizia è riuscita a ritrovare le scarpe, che nel frattempo erano state lavate accuratamente con un detergente, non avevano più i lacci e le solette e presentavano tagli netti sulla gomma di entrambe le suole. Tutto ciò ha portato gli inquirenti a pensare che chi se ne fosse liberato avesse voluto far sparire ogni sua traccia da quelle scarpe.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

La scomparsa di Mauro Romano: 43 anni di silenzi e indagini. Dal boss mai ascoltato allo “zio”, l’ultima pista del rapimento per venderlo

next

Football news:

Rudy Garcia: passare la Juventus è un'impresa. La sconfitta piu ' bella della mia carriera
E ' un peccato! Sarri si è indignato per il ritardo dei giocatori di Lione
Miralem Pjanic: non sottovalutare il 9 ° scudetto, ma la Juve può sforzarsi di più
Zinedine Zidane: il Real deve essere orgoglioso di ciò che ha fatto. Non è il momento di cercare scuse
Guardiola su 2-1 con il Real Madrid: se vuoi prendere la Champions League, devi battere i grandi club
Rahim Sterling: Man City è stato fantastico. Sapevamo quanto fosse bravo il Real
Ronaldo ha segnato tutti i 7 gol della Juventus nei playoff delle ultime stagioni di Champions League 💪