Italy

Matteo Salvini al telefono con Di Maio: "Avete fatto male i calcoli". Ricatto grillino, ricostruzione bomba

"Avete fatto male i calcoli". La telefonata "della tregua" tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio di giovedì notte, quando la crisi sembrava imminente, non ha smussato certi angoli decisamente pericolosi contro cui potrebbe andare a sbattere la maggiorana. Anzi, è servita al leader della Lega per chiarire che non accetterà più il gioco sporco dell'alleato grillino: "Se pensate di poter tornare ad attaccarmi su tutto, adesso che si è chiusa la finestra elettorale per votare a settembre, avete fatto male i calcoli", avrebbe avvisato Salvini, secondo la ricostruzione del Messaggero.

"Per me non ci sono finestre. Si può votare quando decido io". L'altra condizione, di cui però per il momento né Di Maio né il premier Giuseppe Conte sembrano tenere conto, è "finirla con i no". Salvini si riferisce a sblocca cantieri, grandi opere, autonomie. Poche ore dopo, ecco la nuova frenata su queste ultime che ha fatto infuriare i governatori Zaia e Fontana. Leghisti, e di questo Salvini dovrà invece tenere conto. 

Football news:

Simeone sulle possibilità contro Lipsia: non vado agli estremi. Ora pensiamo solo a giocare con Betis
Roma ha offerto 3 milioni di euro per L'affitto di Smalling per un altro anno e 15 milioni per il riscatto. Il Manchester United vuole 25 milioni^.La Roma vuole mantenere il difensore Chris Smalling, i cui diritti appartengono al Manchester United
Setien Pro Champions League: la partita con il Napoli è fondamentale. È giusto che Barcellona stia giocando a casa
Nani: da bambino stavamo morendo di fame, ratti e lucertole correvano in casa. Ho capito che Dio voleva che aiutassi la mia famiglia, diventando un giocatore di football
Il Real Madrid prenderà in considerazione le proposte di Jović. Non è esclusa l'opzione con la vendita
Mikel Arteta: Mourinho è stato invitato a diventare la squadra vincente del Tottenham
Il fallimento del VAR nell'ultimo turno Inglese: giovedì tutte e tre le soluzioni ai rigori hanno riconosciuto gli errori