logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

McDonald’s, tutti i panini in Italia avranno carne «made in Italy»

Esce allo scoperto Filiera Italia, organizzazione che unisce in una casa comune Coldiretti e i grandi marchi dell’alimentare. Tra gli aderenti: Ferrero, Doria Cremonini, Biraghi, Cirio, Pomì-De Rica, Casillo. L’obiettivo è aiutare gli agricoltori italiani a «riconvertirsi» in funzione delle esigenze delle industrie alimentari. Con un evidente vantaggio reciproco. Rinforzato dalla possibilità di rivendicare presso il consumatore l’italianità del prodotto. L’aggregazione attorno al progetto di Filiera Italia è partita sotto traccia nel maggio scorso. Un progetto che piace al governo gialloverde. Non a caso ieri alla presentazione a Cernobbio — in occasione del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’alimentazione organizzato dalla Coldiretti in collaborazione con lo Studio Ambrosetti — ha partecipato il ministro leghista dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio. Consigliere delegato di Filiera Italia è Luigi Scordamaglia, presidente di Federalimentare a fine mandato. Obiettivo di questa nuova organizzazione di rappresentanza verticale è promuovere accordi di filiera come quello firmato ieri da Coldiretti, McDonald’s e Inalca del gruppo Cremonini. Già oggi McDonald’s produce i suoi hamburger acquistando 11mila tonnellate di carne bovina l’anno da 15mila allevamenti italiani. La nuova intesa alza l’asticella e vuole garantire, oltre all’italianità della carne, anche benessere animale, rispetto dell’ambiente e lavoro etico. L’Aia, associazione italiana allevatori, farà controlli mensili agli allevatori aderenti a questo protocollo. Con un ruolo di controllo anche il Dqa, Dipartimento qualità agroalimentare. Da gennaio si parte con 400 allevamenti per arrivare a 4.000 in tre anni. Il processo di crescita del progetto sarà monitorato attraverso un sito Internet ad hoc. Ovviamente l’operazione ha un costo a cui contribuisce la stessa McDonald’s. «Crediamo che il nostro accordo possa diventare, perché no, una buona pratica da prendere a riferimento», auspica l’amministratore delegato di McDonald’s, Mario Federico. Da notare: a portare la bandiera dell’italianità in questo caso è una multinazionale straniera.

Themes
ICO