logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Mondiali di Piné, l'idolo di casa Betti conquista il bronzo nella disciplina più classica: l'allround

BASELGA DI PINE'. Il sole di Piné bacia Francesco Betti, medaglia di bronzo al Campionato mondiale juniores nella specialità più classica del pattinaggio velocità, l’allround (500, 1500, 1000 e 5000 metri). Betti, 19 anni trentino, bissando la medaglia dello stesso colore vinta lo scorso anno a Salt Lake City si conferma la grande promessa del domani dell’interno movimento delle lame lunghe azzurre.

In un’altra giornata baciata dal sole su quell’altopiano dove il pattinaggio velocità è “religione”, a laurearsi campioni del mondo nell’allround sono stati il sudcoreano Jaewon Chung e l’olandese Femke Kok. Se per l’oranje è stato il tredicesimo titolo mondiale per l’Olanda in campo femminile dal 1973, l’atleta asiatico ha portato per la terza volta in 48 edizioni la Corea del Sud al maschile sul tetto del mondo a livello giovanile (l’ultimo nel 2013 a Collalbo).

Chung, 17 anni, è un nome già molto conosciuto a livello mondiale. Nel febbraio di dodici mesi fa con la team pursuit della Corea del Sud ha conquistato l’argento olimpico e la settimana scorsa ha centrato il bronzo nella mass start ai Mondiali singole distanze. Jaewon al termine delle quattro distanze ha totalizzato 150,278 punti (500: 37,31; 1500: 1.48,82; 1000: 1.11,60; 5000: 6.48,95) precedendo il russo Stepan Chistiakov con 151,858 (37,02; 1.52,52; 1.11,92; 6.53,72). Per Betti, che aveva aperto il Mondiale di casa con 37,37 sui 500 e 1.50,83 sui 1500 giungendo terzo, oggi si è vista un'altra grande prova con i 1000 pattinati in 1.13,00 e i 5000 in 6.50,99. A livello statistico, il pattinatore originario di Valcanover allenato da Enrico Fabris su programmazione del direttore tecnico azzurro Maurizio Marchetto, ha perso l’argento nell’allround per appena 40 centesimi sui 5000.

«Sono molto contento di questo bronzo nella combinata, è una soddisfazione incredibile perché vincerla sulla pista dove sono cresciuto e dove mi alleno tutti i giorni ha un gusto speciale – ha detto Francesco Betti, portacolori del Circolo Pattinatori Piné, appena sceso dal podio –. Dedico queste due medaglie a tutti i tifosi che sono venuti a vedermi in questi giorni, ai miei genitori e alla mia ragazza Lisa (compagna di scuola, ndr). Adesso ultimo appuntamento saranno i Campionati italiani juniores la prossima settimana sempre qui a Piné».

Nella storia del Campionato mondiale juniores, l’Italia prima dei due bronzi di Betti aveva centrato una sola volta la medaglia, nel 2002 a Collalbo con il pinetano Andrea Giovannini, terzo sempre nell’allround.

Sui 1000 metri maschili record della pista juniores dell’olandese Janno Botman con 1.11,25. Sul “Ghiaccio dei Campioni” di Miola di Piné sono in gara fino a domani (mass start e gare a squadra) 130 pattinatori in rappresentanza di ben 24 (Austria, Bielorussia, Canada, Cina, Colombia, Repubblica Ceca, Spagna, Estonia, Finlandia, Gran Bretagna, Germania, Ungheria, Irlanda, Giappone, Kazakistan, Corea del Sud, Olanda, Norvegia, Polonia, Romania, Russia, Svizzera, Stati Uniti ed Italia).

Nella seconda giornata dell’evento mondiale sono intervenuti, tra gli altri, Paola Mora, presidente del Comitato Provinciale del Coni Trentino, il sindaco di Baselga di Piné, Ugo Grisenti e Maurizio Rossini, amministratore unico di Trentino Marketing.

RISULTATI: https://app.isuresults.eu/events/2019_ITA_0002/schedule

CLASSIFICHE: https://app.isuresults.eu/events/2019_ITA_0002/standings/ALLROUND_MEN

PROGRAMMA CAMPIONATI DEL MONDO JUNIORES

Domenica 17 febbraio 2019

Ore 13,30: inizio gare (Team Sprint donne; Team Sprint uomini; Team Pursuit donne; Team Pursuit uomini; Mass Start donne; Mass Start uomini); a seguire: cerimonia di premiazione

Themes
ICO