logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Open Arms, in 13 evacuati per motivi medici: “Umanità impone sbarco urgente di tutti”

Open Arms è ancora nelle acque di Lampedusa e i migranti hanno trascorso la loro quindicesima notte in mare dopo essere stati salvati nel Mediterraneo. Nelle ultime ore si è resa necessaria l'evacuazione urgente di 13 persone per motivi medici. “Cinque evacuazioni urgenti in 14 giorni. Cosa aspettano ad autorizzare lo sbarco di tutte le persone, che l'emergenza medica diventi insostenibile? Quanta crudeltà”, ha twittato la Ong spagnola che ha reso noto che tre persone e un accompagnatore sono stati fatti scendere a terra nelle ultime ore per "complicazioni mediche che richiedono cure specializzate”. “Tutte le persone a bordo devono essere fatte sbarcare urgentemente. L'umanità lo impone", è quanto chiedono. Altri nove migranti – di cui 5 bisognosi di assistenza per problemi psicologici e 4 familiari – erano stati evacuati dalla nave nella serata di ieri. Operatori di Emergency hanno rilevato a bordo della Open Arms una "enorme pressione psicologica" sui migranti con "evidenti condizioni di disagio della sfera cognitiva, emotiva, comportamentale".

Scontro nel governo su Open Arms – Al momento la nave Open Arms è ferma davanti Lampedusa, a poche centinaia di metri dall'entrata del porto, con motovedette della guardia di finanza e della capitaneria di porto che monitorano i suoi movimenti dopo che il Tar del Lazio ha accolto un ricorso sospendendo il divieto di ingresso nelle acque italiane disposto dal ministro Matteo Salvini. Dopo la decisione del tribunale amministrativo, Salvini ha rinnovato il provvedimento di divieto d'ingresso annunciando ricorso mentre il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, ha spiegato di aver deciso di non firmare il nuovo decreto sottolineando di aver "preso questa decisione, motivata da solide ragioni legali, ascoltando la mia coscienza. Non dobbiamo mai dimenticare che dietro le polemiche di questi giorni ci sono bambini e ragazzi che hanno sofferto violenze e abusi di ogni tipo. La politica non può mai perdere l'umanità". Immediata è arrivata la replica di Salvini secondo cui “umanità non significa aiutare trafficanti e Ong”.

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO