Italy

Portogallo, riparte la Primeira Liga: dal 3 giugno si gioca tutti i giorni

Non è una novità: in Portogallo si ritorna a giocare e lo si fa con la ripartenza oramai stabilita il prossimo 3 giugno quando il calcio ripartirà ufficialmente. Una decisione già presa da tempo e che permetterà al massimo campionato lusitano di concludere una stagione tormentata dal coronavirus. In Portogallo la pandemia è stata moto inferiore rispetto ad altre realtà europee ma con gli inizi di marzo si era provveduto alla sospensione delle attività sportive. Poi, la lenta e progressiva ripresa, prima con i classici allenamenti individuali e poi con quelli di gruppo, seguendo anche in questo caso i protocolli medico-sanitari. Adesso l'ultimo atto: la ufficializzazione del calendario che prevederà un lungo e intenso tour de force fino alla sua conclusione.

In pratica si giocherà tutti i giorni della settimana, a iniziare dal 3 giugno con due partite in programmazione: Portimonense – Gil Vicente FC, alle 19 e FC Famalicão – FC Porto, alle 21.15. Il 4 giugno altre tre gare, tutte di sera: Marítimo M. – Vitória FC, SL Benfica – CD Tondela e Vitória SC – Sporting CP. Le partite sono tutte cadenzate giorno dopo giorno senza alcuna pausa. Il primo stop per tirare il fiato è previsto per 14 giugno, quando si concluderà la 26a giornata di campionato. Poi, dopo 24 ore di riposo si apriranno le danze per il 27° turno e così via fino alla fine della stagione, che terminerà in questa maniera il 21 luglio con gli ultimi due match del 33° turno: Sporting CP – Vitória FC e CD Aves – SL Benfica.

Una scelta che permetterà alla Lega portoghese di concludere la stagione con relativa tranquillità e nei tempi previsti dalle richieste dell'Uefa. Una scelta che ha permesso anche di mantenere saldo il doppio filo che lega il calcio lusitano alle televisioni visto che con l'inserimento di partite tutti i giorni, mai totalmente in contemporanea e non più di quattro al giorno, tutto ciò permetterà una copertura televisiva completa da fornire al pubblico. Che non potendo vivere le gare sugli spalti potrà godersi ciò che resta del campionato da casa.

Football news:

Angel Di Maria: sono contento di non essermi trasferito al Barça nel 2017
La moglie serba del Galaxy ha chiamato a sparare ai criminali
Modric su come Mourinho ha criticato Ronaldo: Cristiano ha quasi pianto in pausa
Giorgio Chiellini: due volte sono stato vicino a lasciare la Juve: al Real Madrid nel 2010 e a Man City nel 2011.^Il difensore della Juventus Giorgio Chiellini ha detto che potrebbe lasciare il club nel 2010 e nel 2011
Herrera su Neymar e Mbapp: il PSG non vende stelle, le compra
Enrique sulla finale di Champions League 2015: ha detto alla squadra: la cosa peggiore che può accadere è essere un giocatore della Juve in una partita contro il Barça
Gladbach mostra come i concetti di Cruyff e Guardiola possono essere applicati