logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
o
q
y
Nothing found
ICO
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Reddito di cittadinanza, i 5 Stelle pressano Tria: «Va introdotto subito, anche se non per tutti»

ROMA — Ancora fibrillazioni nella maggioranza di governo a pochi giorni dal varo della legge di bilancio del 2019. Nel Movimento 5 Stelle, in particolare, la prudenza del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, sulla gestione dei conti pubblici e in particolare sul reddito d’inserimento, starebbe creando qualche preoccupazione. Ieri, dopo un momento in cui si sono rincorse molte voci, i vertici del partito hanno smentito ogni tensione con il ministro. «Risulta infondata la notizia secondo cui il M5S avrebbe esercitato pressioni sul ministro Tria, anche in riferimento a sue possibili dimissioni».

Piano graduale

In mattinata dagli ambienti del Movimento era filtrata alle agenzie di stampa una presunta insoddisfazione per le poche risorse a disposizione del reddito di cittadinanza. Dopo poco, dal quartier generale, hanno nettamente ridimensionato. I 5S «sono consapevoli che il reddito di cittadinanza, potrà essere introdotto gradualmente e che forse sarà inevitabile considerare una platea iniziale ridotta» hanno fatto sapere, aggiungendo che il reddito di cittadinanza è necessario quanto la flat tax, cavallo di battaglia della Lega Nord.

Listino prezzi

La manovra comprenderà, in versione leggera, entrambe le misure, ma anche i primi interventi sull’età pensionabile e sulle pensioni d’oro e la pace fiscale. Lega e M5S, finora, hanno lavorato su piani separati. I tecnici dei due partiti hanno messo a punto le carte e preparato un ventaglio di proposte. Dall’Iva all’Irpef, alle accise, a quota 100 per l’uscita dal lavoro, ogni singola misura è stata pesata e quotata. I due leader, Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno già in mano il «listino prezzi» di tutte le possibili opzioni.

Finanziaria 2019: il reddito di cittadinanza partirà così. Le proposte su pensioni, Iva e «pace fiscale»
Per l’incentivo anti-povertà avvio in più fasi
Presto il vertice

A questo punto bisogna trovare la sintesi e definire il menù, ma prima ancora stabilire l’obiettivo del deficit pubblico da raggiungere nel prossimo anno e nei seguenti. Un vertice tra la Lega i M5S , Tria ed il premier Conte non è ancora in agenda, ma non tarderà. L’Istat diffonderà il 21 settembre l’aggiornamento sui conti nazionali e subito dopo il governo dovrebbe approvare l’aggiornamento del Def con il nuovo quadro programmatico.

Il quadro dei conti

Tria spinge per tenere il deficit al di sotto del 2%, mentre Lega e M5S, in questo perfettamente daccordo, vorrebbero alzare l’asticella fino a poco oltre quella soglia. La manovra dovrebbe avere una portata di 30 miliardi: 13 per eliminare l’Iva (stavolta in via definitiva), 5 per la flat tax, 8 per il reddito di cittadinanza e 7 per quota 100 sulle pensioni, 2 per le spese indifferibili. Per la copertura 3 miliardi saranno recuperati all’interno del sistema previdenziale, 2 dalla riduzione delle detrazioni fiscali, altrettanti dai tagli alla spesa. Poi si utilizzerà il deficit nella misura massima che il negoziato con la Ue renderà possibile. E il gettito della pace fiscale, ma solo per coprire le spese «una tantum».

us!