logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Salvini frena su cittadinanza a Rami  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Salvini frena su cittadinanza a Rami

Rami da Fazio a 'Che tempo che fa'

Matteo Salvini frena sulla cittadinanza a Rami Shehata, il ragazzo eroe di San Donato Milanese che ha chiamato i carabinieri dal pullman dirottato mercoledì scorso da Ousseynou Sy. "A ora non ci sono elementi" ha affermato il vicepremier e ministro dell'Interno. Rami sarà invitato al Viminale "quando avrò gli elementi a disposizione per decidere e purtroppo a stasera non ci sono gli elementi per concedere la cittadinanza. Mi spiacerebbe moltissimo, però così è" ha spiegato Salvini.


"Siccome le cittadinanze non sono biglietti delle giostre, abbraccerò volentieri tutti i ragazzi della classe, perché non ci sono protagonisti di serie A e di serie B. Quando si tratta di cittadinanze non ci devono essere nessuna ombra e nessun dubbio e purtroppo al momento ombre e dubbi ce ne sono" ha detto il vicepremier a margine della presentazione del libro 'L'Italia non è più italiana' di Mario Giordano.

''Le cittadinanze non le posso regalare e per dare le cittadinanze ho bisogno di fedine penali pulite. Non parlo dei ragazzini di 13 anni, ma non fatemi dire altro'', ha continuato Salvini. ''Ripeto, e sarebbe sgradevole entrare nel merito e non lo faccio, che stiamo facendo tutti gli approfondimenti del caso, evidentemente non sul ragazzino di 13 anni ma su altri, perché io la cittadinanza la concedo a chi ha fedina penale pulita. Penso che tutti abbiano capito di cosa stia parlando''.

Il titolare del Viminale ha poi continuato: ''Se qualcuno la cittadinanza non l'ha chiesta e non l'ha ottenuta dopo vent'anni, fatevi una domanda e datevi una risposta sul perché''.

Oggi il 13enne, che è stato premiato dall'ambasciata egiziana (VIDEO) proprio per il suo gesto eroico, parlando con la stampa si era rivolto al ministro dell'Interno, commentando: "Dopo tutto quello che è successo volevo vedere cosa avrebbe detto Salvini, se tutti i ragazzi fossero morti?". Quindi aveva aggiunto: "Adesso che tutti lo ringraziano è grazie a me, non perché è bello. Io sono nato qui e da sempre voglio fare il carabiniere. Di Maio - ha concluso - vuole darmi la cittadinanza, io mi fido di lui".

Parole che hanno innescato la replica di Salvini: "Rami si fida di Di Maio. Io mi fido della legge - ha puntualizzato il leader leghista - io devo rispettare la legge e farla rispettare. Sono contento che non ci siano morti e feriti grazie a lui, agli altri ragazzi e ai carabinieri. Non commento le stragi mancate'', ha aggiunto.

In giornata, mentre Salvini aveva parlato con cautela della concessione della cittadinanza a Rami, spiegando di stare facendo " tutti gli approfondimenti del caso", l'altro vicepremier, Luigi Di Maio era stato più netto: "Diamo la cittadinanza a quel bambino - ha scritto in un post su Fb -. C'è già una legge che lo consente, non dobbiamo inventarcela. Facciamolo e basta".

Themes
ICO