Italy

Sanremo 2021, Barbara Palombelli sul palco: ma chi è davvero? Dalla pizza a taglio alla ‘cacciata’ da Domenica In

E' stata donna di successo in un mondo totalmente di maschi, quando ancora le prime firme del giornalismo femmine si contavano sulle dite di due mani, e quando ancora il #MeToo non era nemmeno in concepimento

Segretaria di una scuola di danza, commessa, standista, animatrice turistica, ricercatrice all’università. Tu la vedi tutta compita, formale, impettita, quasi meccanica mentre espone i casi (con canovaccio) di Forum su Rete4 e pensi: ma chi è davvero Barbara Palombelli? Beh, intanto la moglie dell’ex candidato a premier dell’Ulivo, il presidentissimo dell’Anica Francesco Rutelli, è stata una delle giornaliste italiane più blasonate e influenti degli ultimi 40 anni. Romana e romanista, classe ’53, è stata una dura e pura allo scientifico Righi nei primi anni settanta, poi porte su porte in faccia perché nelle sue vene scorreva il sacro fuoco del giornalismo. Mito? Oriana Fallaci. Primo pezzo? 1979 sulle colonne del settimanale L’Europeo diretto da Mario Pirani. Poi negli anni ottanta arriva di tutto da Il Giornale di Montanelli, a Panorama, Corriere della Sera e Repubblica. Una cavalcata senza freni per una donna semplice, mamma di quattro figli (3 adottati, 1 naturale), moglie dal 1982, professionista cocciuta e precisa nel settore della politica e dell’attualità, lodata spesso, invidiata forse di più. “Nessuno, nemmeno i miei nemici possono vedermi smaniare. Quando mi dai un paio di jeans, una camicetta, un pezzo di pizza al taglio e un po’ di sole in una piazza di Roma, mi basta e mi avanza”, spiegava in un’intervista a Claudio Sabelli Fioretti nel 2002. Intervista che la vede protagonista assoluta ancora a caldo dopo la sconfitta del marito contro Berlusconi nel 2001. Palombelli a suo modo sfrontata non fatica a confessare che nemmeno ha votato per la Margherita –il partito del marito – ma per gli alleati dei DS. “Sulla Prima Repubblica, sulla Coca Cola e sulla Roma la penso in maniera diversa da Francesco”. Palombelli è stata donna di successo in un mondo totalmente di maschi, quando ancora le prime firme del giornalismo femmine si contavano sulle dite di due mani, e quando ancora il #MeToo non era nemmeno in concepimento. Eppure questa ragazza romana, apparentemente un po’ svagata, una voce un po’ nasale, un atteggiamento vagamente altezzoso, ha un fiuto per il nazionalpopolare che fa spavento. Nel 2003 sostituisce e sopravanza Giuliano Ferrara, suo grande amico, alla conduzione di Otto e Mezzo e ci rimane due anni. Prima e dopo di lei solo uomini. Barbara passa alla cassa, una schiacciasassi, un tritatutto, nulla la ferma, Dal 2001 al 2013 è conduttrice su Radio2 di 28 minuti. Non so se ci siamo capiti: 12 anni di conduzione in una delle fasce più seguite sul canale più glam dell’ammiraglia Radio Televisione Italiana. E per confermare che non è una “raccomandata” viene perfino cacciata dalla conduzione di Domenica In da un furente Mastella nel 1987. Palombelli non la fermi più. Aperta la breccia sulle reti Mediaset con la conduzione del Tg5 nel 2006 le si aprono le porte di Forum e infine dal 2018 del talk politico Stasera Italia. Buffa la sua caricatura che ne fa Vauro da tempo immemore nella striscia Casa Rutelli chez Santoro nei primi anni duemila (per dire: Barbara pure un anno di Samarcanda con Michele s’è fatta): eccola a letto in camera, appoggiata con la schiena alla testata, occhi all’insù, Rutelli che pensa sempre “ad altro”, e un’insofferenza perenne carica di battute al veleno sull’inconcludenza sessuale del marito.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Matilde Gioli, da Doc a Sanremo: “Un ragazzo alto 1 metro e 90 mi è caduto sulla schiena, non sapevano se sarei tornata a camminare”

next

Articolo Successivo

Sanremo 2021, le pagelle della quarta serata live: Aiello “flagello di Dio Parte II”

next

Football news:

La Liga sulla Super League: è un desiderio egoista per arricchire ancora i super ricchi. La distruzione dell'ecosistema porterà al fallimento di questi Club
A nome della Juve e DELL'ECA, posso respingere l'idea della Super League. Come ben sapete, uno dei principali ideologi della Super League è il presidente della Juventus Andrea Agnelli. Il giorno della creazione del nuovo torneo, ha lasciato la carica di Capo Dell'Associazione dei club europei (ECA) e si è dimesso dal Comitato Esecutivo UEFA. Sembra che ora il capo della Juve sia il principale nemico della UEFA insieme a Florentino Perez
Tottenham ha licenziato Mourinho. No, La Super League non ha nulla a che fare con la notizia della Super League nei prossimi giorni, ma il Tottenham ha almeno provato: Daniel Levy ha licenziato Jose Mourinho, prima di aspettare la fine della stagione
Almeno 2 club francesi giocheranno nella Super League ogni anno
Mesut Ozil: i bambini sognano di vincere la Coppa del mondo about la Champions League, non una sorta di Super League. Il piacere delle grandi partite è che si verificano una about due volte l'anno
Disneificazione del Calcio. Da dove viene la Super League?
Carragher sulla Super League: sono stufo che la reputazione di Liverpool sia così minata. E il vergognoso capitalismo del Manchester United non mi sorprende