Italy

Sardegna, le coste sono sotto attacco. Ma nel nome del ‘lavoro’ non ci si vende anche la madre

Sostenitore

Sostenitore

I post scritti dai lettori

Ambiente & Veleni

Sardegna, le coste sono sotto attacco. Ma nel nome del ‘lavoro’ non ci si vende anche la madre

di Elena Mascia

Immaginate di amare, di un amore profondo, quasi innato. Di conoscere a memoria i contorni, le sfumature, le qualità e i difetti di chi muove questo sentimento. Immaginate di dovervene distaccare, ma di continuare a sentirne comunque e ovunque i profumi e gli odori. E poi, visitate la Sardegna, quella autentica, che vi mostra il suo lato “così com’è” e non come gli altri vorrebbero che fosse. Sarete percorsi da emozioni ancestrali, sarete ricondotti a un antico vivere che sa di verità.

E adesso, pensate di vederla disillusa, depredata, agghindata a festa di gioielli che lei non vuole, perché abituata a portare in seno i doni della natura non replicabili. Pensate di dover assistere a tutto questo, inermi, pieni di rabbia e di incredulità per come si possa pensare che un resort a 4 stelle costruito senza il rispetto delle distanze, possa essere uno spettacolo superiore a un affaccio sul mare suggestivo e vivido, tra cisto e ginestre.

La chiamano la “legge del cemento”, è la legge (21/2020) approvata di recente dalla maggioranza capeggiata dal governatore leghista della Regione Sardegna, Christian Solinas: 31 voti favorevoli, 20 contrari, 1 astenuto. Un testo atteso da chi, per anni, ha mal celato la bramosia di “mettere mano” alla Legge Salva coste dell’allora governatore, Renato Soru.

In questi anni l’associazione Gruppo di Intervento Giuridico onlus ha sempre messo in guardia sul rischio che la volontà di alcuni diventasse realtà, e nella seconda settimana di luglio ha “inoltrato una documentata segnalazione al governo perché effettui ricorso alla Corte costituzionale avverso la legge regionale 9 luglio 2020 con cui, a maggioranza, il Consiglio regionale ha formulato un’illegittima interpretazione autentica che consentirebbe la riscrittura del piano paesaggistico regionale (Ppr) nelle sue parti fondamentali (fascia costiera, zone agricole, beni identitari)”.

Il Grig ha inoltre lanciato una petizione per la salvaguardia delle coste sarde, raggiungendo ad oggi 34781 firme. La richiesta è quella di mantenere “l’assoluta inedificabilità della fascia costiera della Sardegna” (con riferimento alla fascia dei 300 mt) e “un’attenta vigilanza sul mantenimento della disciplina di salvaguardia dei litorali” (presente nel Ppr) rivolgendosi al Ministro per i Beni e le Attività culturali e il Turismo.

Con il decadimento dei vincoli su agro, fascia costiera e beni identitari (aree archeologiche e monumenti), quello che è stato definito un vero e proprio “assalto” all’isola, rischia di essere tradotto in azioni concrete. Azioni libere di accogliere sfregi, azioni libere di lasciare che le ruspe ridisegnino il volto di luoghi come Calagiunco, Costa Turchese, Capo Malfatano e ancora la Necropoli di Tuvixeddu.

Come nel peggior incubo, addormentarsi tra le braccia della propria terra e risvegliarsi per non riconoscerla più. E’ il momento di difendere la Sardegna, è il momento di ricordare che nel nome del “lavoro” non ci si vende anche la madre, è il momento della dignità per il popolo sardo, è il momento di restituirle ciò che per anni la Sardegna ci ha donato: il coraggio dell’essere se stessi.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

L’Amazzonia va in fumo, incendi aumentati del 28%. In volo sui roghi: Sono stati 6803 solo nel mese di luglio

next
meteo

Football news:

Shaka Hislop: Molti neri i giocatori non vedono il senso di coaching corsi, considerando che loro non chiamano per un colloquio
Il Barcellona ha offerto a Norwich 5 milioni di sterline per l'affitto di Aarons
Dovrebbe, non dovrebbe, ma lo farà. Sembra, Suarez disonesto superato un esame per il passaporto UE - schema aperto attraverso Intercettazioni telefoniche
Le Gré about benzema: un giocatore esemplare e meraviglioso. Non sono sicuro che Deschamps lo chiamerà di nuovo in nazionale
Agente Bale: il Real Madrid deve baciare il pavimento di Gareth per quello che ha raggiunto nel Club
Ivan Perisic: L'anno in Baviera è stato incredibile. Ho preso tre trofei e ho giocato in una grande squadra
Lester può affittare il difensore della Nazionale tedesca ta da Bayer. Il difensore del Bayer Leverkusen Jonathan Ta può continuare la sua carriera in APL