logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Sea Watch, la Corte di Strasburgo respinge il ricorso dei migranti

È stato respinto il ricorso presentato dai migranti della Sea Watch 3 alla Cedu. Lo riferisce il ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Anche la Corte Europea di Strasburgo – dice – conferma la scelta di ordine, buon senso, legalità e giustizia dell’Italia: porti chiusi ai trafficanti di esseri umani e ai loro complici. Meno partenze, meno sbarchi, meno morti, meno sprechi. Indietro non si torna”.

Nel non concedere la “misura provvisoria” relativamente alla richiesta di sbarco dalla nave Sea Watch 3 sul territorio italiano, la Corte di Strasburgo ha raccomandato al governo italiano di continuare “a fornire tutta l’assistenza necessaria alle persone che si trovano a bordo della nave in condizioni di vulnerabilità a causa della loro età o delle loro condizioni di salute”.

Sea Watch, la Corte di Strasburgo respinge il ricorso

La Cgil Palermo intanto aderisce al presidio di solidarietà per la Sea Watch 3 che si tiene questa sera, dalle ore 21, davanti al sagrato della Cattedrale di Palermo. L’iniziativa, alla quale dà la sua adesione la Camera del Lavoro di Palermo, è stata indetta da diverse associazioni tra cui Legambiente Sicilia, Mediterraneo Antirazzista, Forum Antirazzista, Arci Sicilia per chiedere l’attracco della nave con 42 persone a bordo da giorni. Nei giorni scorsi la Cgil, per la Giornata del Rifugiato, ha appeso una decina di coperte termiche ai balconi della palazzina di via Meli 5, a Palermo, “per dire no alla chiusura dei porti e all’esclusione e sì all’accoglienza, alla solidarietà, ai diritti e all’uguaglianza”.

Le coperte dorate, usate per salvare le vite umane durante i soccorsi in mare, sono ancora appese alle finestre della Cgil per testimoniare la richiesta che “l’umanità venga rimessa al centro per sconfiggere l’odio, il razzismo e l’intolleranza, che non possono trovare spazio in una società civile e democratica”. E stasera la Cgil palermitana sarà con le altre associazioni alla mobilitazione “per continuare a chiedere a gran voce il cambiamento delle politiche per l’immigrazione. Noi chiediamo che queste persone siano accolte e siano fatte scendere a Lampedusa. Questa politica della chiusura dei porti e’ inaccettabile”, dichiarano la Cgil Palermo e il suo ufficio migranti.

All rights and copyright belongs to author:
Themes
ICO