Italy

Sotto attacco, il racconto dell’unico processo contro le agenzie di rating: “Così la finanza specula sulla nostra pelle”. In libreria

Economia & Lobby

13 gennaio 2012, ore 22.36: la potente agenzia di rating Standard & Poor’s sferra quello che i media chiameranno un “attacco all’Europa”: declassamento per Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Austria, Cipro, Malta, Slovacchia e Slovenia. Siamo nel bel mezzo della più grande crisi economica della storia recente dell’Eurozona. Crisi ancora più grave per l’Italia, che è sotto attacco già dal 2011 e sta perdendo credibilità agli occhi degli investitori internazionali. Tutto finito? Decisamente no. Come in un deja vu collettivo, a distanza di quasi dieci anni tornano a profilarsi all’orizzonte inquietanti segnali di nuove crisi pronte a travolgerci. Ecco allora che diventa necessario prendere le dovute precauzioni, guardando a ciò che è stato per non cadere nelle stesse trappole. Cosa succede quando le “regole del gioco” dell’informazione finanziaria vengono violate in danno di uno Stato sovrano? Chi risponde di errori capaci di affossare l’economia di un Paese? E ancora, come difendersi dagli scandali bancari, salvando così i propri risparmi? Sotto attacco. In un libro, il racconto senza filtri del Pubblico Ministero protagonista dell’unico processo penale mai intentato contro le agenzie di rating

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Air Italy, Ryanair: “Nessun interesse ad acquistarla. Stiamo parlando con l’aeroporto di Olbia per aprire lì una nostra base”

next

La Playlist Economia & Lobby

meteo