Italy

Torino si candida a “capitale” dell’intelligenza artificiale

iniziativa partita dalla chiesa

Capofila dell’iniziativa l’Arcidiocesi con il Servizio per l’Apostolato Digitale. Adesione di istituzioni, università, Politecnico e sistema produttivo

di Carlo Andrea Finotto

default onloading pic
Torino (Agf Creative)

Capofila dell’iniziativa l’Arcidiocesi con il Servizio per l’Apostolato Digitale. Adesione di istituzioni, università, Politecnico e sistema produttivo

3' di lettura

Torino brucia i tempi e si candida a diventare riferimento per l’intelligenza artificiale in Italia. L’iniziativa vede la luce poco dopo la presentazione del rapporto sulle strategie per l’intelligenza artificiale realizzato da un pool di esperti incaricati dal ministero per lo Sviluppo economico. Nel documento, infatti, si auspica la creazione di un Istituto italiano per l’intelligenza artificiale.

Il Servizio per l’Apostolato Digitale

Una candidatura, quella piemontese, che parte dal basso, dalla società civile. A lanciarla è infatti un appello di don Luca Peyron, coordinatore del Servizio per l’Apostolato Digitale della diocesi di Torino e docente di teologia della trasformazione digitale alla Cattolica di Milano. A sua volta, lo stesso Servizio creato dall’arcivescovo Cesare Nosiglia nel novembre 2019, «È un unicum in Italia e tra i pochi a livello internazionale – spiega Peyron -. Si tratta di una sorta di pensatoio sulla trasformazione digitale» intergenerazionale e aperto ai contributi di esperti e non.

Come è nato l’appello

Secondo Peyron Torino e il Piemonte avrebbero tutte le carte in regola per ricoprire un ruolo guida a livello nazionale e anche europeo: la presenza di Politecnico, Università, centri di ricerca industriali, ma soprattutto «cultura e sensibilità giuste» per rendere la candidatura più che concreta. Così è nata l’idea dell’appello, «dopo un confronto con l’arcivescovo abbiamo deciso di lanciare il sasso nello stagno» spiega il coordinatore del Servizio per l’Apostolato Digitale che nel frattempo ha già incontrato i rettori degli atenei piemontesi, i rappresentanti istituzionali, il mondo imprenditoriale, incassando numerosi endorsement da Unione industriale di Torino, Comune, Regione, Museo piemontese dell'informatica, ordini professionali, Club degli investitori, Csi.

Il fatto che l’iniziativa sia partita dalla Chiesa ha consentito, per Luca Peyron, di «liberare energie. La Chiesa ha un ruolo di garante che ha favorito le adesioni degli altri soggetti sul territorio: noi spingiamo per l’inclusività».

Se a livello di Paese si parla di una situazione di ritardo nella digitalizzazione, denunciata di recente anche dalla Corte dei conti, «qui non si tratta di far partire una macchina, ma semmai di rendere più performante una macchina che in effetti c'è già» sottolinea Peyron che precisa: «Il tessuto accademico, imprenditoriale e sociale di Torino permetterebbe, più che la creazione di qualcosa di nuovo, l’accelerazione di un processo esistente».

Football news:

Antonio Conte: mi piace guardare L'Inter. Attacchiamo, creiamo momenti, ma abbiamo bisogno di un equilibrio
Kuman about Var: Le polemiche sono ovunque. Non so quando giocare con la mano è fallo e quando No. Molte Interpretazioni diverse
Mourinho su Allie: avrei capito se il caso non fosse stato abbastanza motivante, ma è stato esattamente il contrario. Lo rispetto
Ashraf Hakimi: L'Inter si batterà per scudetto, abbiamo una grande squadra
Rui Costa: Ronaldo discuterà e tra 300 anni
Everton ha offerto 20 + 6 milioni di sterline per il difensore del Norwich Godfrey
Olas Sull'Aura: tre grandi club sono Interessati. I negoziati sono difficili