Italy

Un nuovo indizio nel mistero di D.B. Cooper, scomparso 49 anni fa

Il giallo non si è mai chiuso e forse non si chiuderà mai. E in fondo perché chi lo segue non vuole chela storia si chiuda. È quello di D.B. Cooper, il dirottatore scomparso nei cieli dell’Ovest americano il 24 novembre del 1971. Ora nuove analisi scientifiche hanno aggiunto un pezzo all’intrigo. Rimettiamo in ordine brevemente le carte. Un passeggero, imbarcatosi con la falsa identità di Cooper, dirotta un jet 727 della Northwest Orient, in servizio tra Portland e Seattle. Usa come arma una finta valigetta-bomba. Dopo una trattativa rapida libera i passeggeri in cambio di 200 mila dollari dell’epoca e di 4 paracadute. Ordina poi al pilota di decollare nuovamente puntando verso sud, mantenendo una quota di 3 mila metri e il carrello abbassato. Quando l’aereo raggiunge l’area del fiume Lewis, a sud dello stato di Washington, si lancia dal portellone posteriore.

L’uomo invisibile

Da allora diventa l’uomo invisibile. Lo cercheranno con ogni mezzo, ma di lui non resta nulla. Fino al febbraio del 1980, quando un bambino in campeggio con i genitori scopre 5.800 dollari sotto la sabbia lungo un fiume, il Columbia. L’Fbi conferma che fanno parte del riscatto: hanno ancora la fascetta elastica. Per gli appassionati forse è riuscito a sopravvivere e a celare un po’ di soldi a circa 28 chilometri dal punto da dove ha toccato terra. Ma perché solo quelli? Oppure è stata l’acqua a spingerli fino alla riva e qui sepolti. Dalla Natura o dall’uomo. Peraltro un’indagine di alcuni privati sembrerebbe escludere che i pacchetti di contanti siano stati spostati dopo un lavoro di drenaggio eseguito nella zona.

Le tracce di alghe

Ma la storia, se ha ragione un esperto, è più complessa. Lo scienziato Tom Kaye, con l’aiuto di un microscopio elettronico, ha analizzato le banconote ed ha scoperto tracce di alghe. Bene, questi organismi si sviluppano in primavera e non in novembre, questo significa che i dollari non sono caduti nel fiume nelle fasi successive al dirottamento. Dunque il denaro resta all’asciutto, poi per ragioni non chiare è immerso nell’acqua in un’epoca successiva (maggio-giugno), infine è coperto dal terriccio sulla sponda del torrente. Chi ha fatto tutto questo? È lo stesso D.B. Cooper? Un complice? Qualcuno che ha trovato parte del bottino? O cosa?

La sorte del pirata

Le domande inseguono e seguono quelle sulla sorte del pirata. Deceduto durante l’azione. In fuga perenne. In questi anni sono stati indicati dozzine e dozzine di sospetti, altri hanno confidato ai parenti sul letto di morte di essere «il vero D.B.». La polizia ha sempre considerato che l’autore del colpo potesse essere un ex militare, persino un agente segreto, una persona capace di lanciarsi da un aereo in una notte d’autunno con un clima gelido e senza avere un equipaggiamento adeguato. Indossava una giacca nera, un paio di mocassini e tanto coraggio.

Football news:

Rakitic su Messi e suarez: non siamo mai stati amici intimi. Grazie per come mi hanno trattato
Ibrahimovic ha segnato per il Milan in entrambe le partite della stagione. L'attaccante del Milan Zlatan Ibrahimovic
Ora l'azione non è diversa dall'icona sul petto. I giocatori della CRC non si sono inginocchiati prima della partita - e sono stati difesi da uno sportdir dalla pelle scura
Roma può assegnare una sconfitta tecnica nella partita contro Verona. Il club ha dichiarato erroneamente Diavara
Zinchenko e Bernardo Silva a causa di lesioni muscolari non giocherà con i Wolves
Il razzismo non ha alcuna possibilità. Milano contro la discriminazione
Puig non vuole lasciare il Barça e si batterà per un posto nella formazione. Kuman gli ha consigliato di andare in affitto