Italy

Autonomia, l’ira di Zaia e Fontana: “Ci sentiamo presi in giro”

Leggi anche

Toninelli su Borsellino

Politica

“L’esempio di Paolo e dei suoi uomini è sempre vivo in noi e nella nostra azione di tutti i giorni”, così Toninelli su Borsellino

gronda di genova scontro

Politica

“È in corso di avanzamento il procedimento amministrativo che potrebbe portare alla revoca della concessione” di Aspi.

Autonomie regionali conte

Politica

Nel corso del vertice sulle autonomie regionali, il M5s strappa alla Lega un accordo sul mantenimento del modello unitario per la scuola.

roberto formigoni carcere

Politica

L’ex presidente della regione Lombardia accetta la sua condanna a 5 anni e 10 mesi di reclusione in seguito al caso Maugeri-San Raffaele.

autonomia

Ancora spaccature sull'autonomia. Zaia: "Ci sentiamo presi in giro". Fontana gli fa eco: "Assolutamente insoddisfatto"

Sull’autonomia sembrava essere arrivato l’accordo con la vittoria del Movimento 5 stelle. Il nodo fondamentale da sciogliere era infatti quello legato all’istruzione, che resta unitaria. I primi a non essere soddisfatti della decisione e ad aver espresso il proprio disappunto sono stati Zaia e Fontana. Il primo, governatore del Veneto, ha tuonato: “Ci sentiamo presi in giro. Vedere il presidente del Consiglio che presiede riunioni che producono il nulla, se non conferenze stampa, è poco rispettoso verso tutti i veneti che hanno votato. Noi veneti siamo gente pratica e la misura è colma. Ho dei dubbi sul fatto che all’interno del Consiglio dei Ministri siano tutti d’accordo su quello che si sta decidendo, per cui non comprendo tutti questi festeggiamenti”.

Autonomia, Zaia e Fontana contrari

Il governatore del Veneto non ha fatto sconti al premier, che poche ore prima aveva parlato di “significativi passi avanti”. “Siamo 5 milioni di veneti e 150 miliardi di Pil. Ne abbiamo le tasche piene di pagare per vedere gente sprecare.

La finiscano di parlare di unità nazionale, secessione dei ricchi, paesi di serie A o B. Vogliamo solo che i virtuosi siano premiati”. Dello stesso avviso anche il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana: “Mi ritengo assolutamente insoddisfatto dell’esito del vertice di oggi sull’autonomia. Abbiamo perso un anno in chiacchiere. Aspettiamo di vedere il testo definitivo, ma se le prossime sono queste, da parte mia non ci sarà alcuna disponibilità a sottoscrivere l’intesa”.

“I governatori non avranno tutto”

Al termine dell’incontro, Giuseppe Conte, si è detto soddisfatto: “Sono lieto di annunciare che abbiamo fatto significativi passi avanti sulle autonomie. Intravediamo la dirittura finale, la settimana prossima c’è ancora qualche passaggio ma confido che si stia arrivando al portare questo provvedimento in Cdm. Era un impegno condiviso da M5s e Lega”. Parlando in particolar modo del nodo sulla scuola ha poi specificato: “Il modello della scuola è fondamentale e non può essere frammentato. I governatori non avranno tutto quello che hanno chiesto.

Ma ci sta, è un negoziato tra Stato e Regioni. Continuerò all’inizio della settimana prossima con incontri ristretti”.

Football news:

Quique Setien: il Barcellona non ha avuto una grande partita. Espanyol ha giocato bene in difesa
Anduhar Oliver sulle rimozioni: Fathi è andato troppo in gamba e il fallo al suo apice era ancora più pericoloso, forse
Atalanta ha esteso la striscia vincente a 11 partite, battendo Sampdoria-2:0
Milner ha trascorso 536 ° partita in APL ed è entrato nella top 5 del campionato giocato incontri
Il centrocampista del Barça Fathi è stato rimosso nel derby con L'Espanyol. Ha passato cinque minuti sul campo
Suarez ha segnato 195 gol per Barcellona ed è arrivato al terzo posto nella lista dei migliori marcatori del club
Daniele De Rossi: La gente chiama messi vile, e hanno paura di chiedere alle mogli il telecomando della TV