Italy

Bonetti: possibile anticipare avvio centri estivi, stanziati 185 milioni euro

Ministra per la Famiglia

"Sta alle Regioni decidere se anticiparne o posticiparne l'avvio, rispetto alla data del 15 giugno, in base al loro andamento epidemiologico", afferma la ministra

19 maggio 2020"Avevo promesso che non ci saremmo scordati dei centri estivi, ma che li avremmo riorganizzati in sicurezza. Infatti abbiamo dato le indicazioni e stanziato 185 milioni di euro, l'investimento più alto in questo settore nella storia della Repubblica. Ora sta alle Regioni decidere se anticiparne o posticiparne l'avvio, rispetto alla data del 15 giugno, in base al loro andamento epidemiologico". Lo afferma la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti su Facebook, dove posta la sua intervista pubblicata oggi sul Gazzettino.

"Penso che in generale la filosofia da seguire sia quella di aprire il prima possibile - ha sottolineato la ministra per la Famiglia - compatibilmente con la capacità di organizzare il servizio secondo criteri di tutela della sicurezza dei singoli bambini e della collettività, perché far ripartire il contagio arrecherebbe un grave danno a tutti". 

Bonetti ha aggiunto che "per quanto riguarda la riattivazione dei servizi integrati, cioè nidi e scuole dell'infanzia, finora non c'è il benestare del Comitato tecnico-scientifico, ma stiamo lavorando per poter creare le condizioni perché sia possibile riaprirli. Ad ogni modo le Regioni - ha concluso la ministra -  nell'ambito dell'autonomia prevista dal decreto-legge, possono estendere le attività ricreative all'aria aperta anche alla fascia 0-3, chiaramente con indicazioni differenti in base all'eta'". 

Football news:

Zidane vuole vedere Manet nella vita reale, ma il club non può permettersi questo trasferimento
Manchester United e Man City hanno fatto richieste su Griezmann. Barcellona non vuole lasciarlo andare
Alaba e Koulibali sono tra gli obiettivi di trasferimento di Guardiola. Vuole iniziare la ristrutturazione A Man City
La nuova forma di Chelsea è ispirata ai sarti di Londra. Con il logo Three, la squadra di Lampard ha subito perso tre dal West Ham
Hakimi sul razzismo: tutti dovrebbero parlarne, non solo i calciatori. Tutti hanno bisogno di parità di diritti
Zidane sulla Liga: mancano sei finali. Stiamo bene, ma non significa niente
Pjanic alla festa in onore della transizione al tasso piangeva di felicità sulla spalla di suo padre