Italy

Circoscrizione Gardolo, Lega saldamente in testa ma pochi votano il candidato. E' Gianna Frizzera di Insieme a ottenere più preferenze

TRENTO. E' Gianna Frizzera di Insieme per Gardolo (223 preferenze) la candidata più votato nella circoscrizione di Gardolo (Qui articolo sulla corsa alle amministrative) alle ultime elezioni comunali che hanno consegnato le chiavi della città a Franco Ianeselli del centrosinistra.

E' comunque la Lega il partito più votato a livello di circoscrizione con il 26,51% dei consensi, 1.531 voti. A fronte però di questo dato, tante le "x" sul simbolo: i singoli candidati hanno raccolto, infatti, 391 preferenze con in testa Luca Nicolussi Paolaz a quota 97 voti. Il carroccio piazza in totale 5 esponenti.

Il Partito democratico è la seconda forza politica a 17,94%, tallonato da Insieme per Gardolo a 16,42%. Quasi in doppia cifra Fratelli d'Italia che si ferma a 9,30%. Il consiglio circoscrizionale di Gardolo è composto dalla pattuglia leghista con Gianni Avi, Lorenza Franceschini, Bruna Giuliani, Luca Nicolussi Paolaz e Marco Tomasi, quindi Fabio Beltramello e Pacifico Mottes di Fratelli d'Italia.

E ancora Gianna Frizzera, Corrado Paolazzi e Ivan Tezzon (Insieme per Gardolo) e Vittoria De Mare (Trento Futura). Completano l'organico Woezo Kudzo Parkoo, Sara Rizzi, Michele Tomasi e Giuliano Weiss del Partito democratico. Questa la composizione del consiglio circoscrizionale, salvo naturalmente passaggi in consiglio comunale (Qui articolo).

Football news:

Sharonov è entrato nella sede di coaching del Paphos cipriota
Juran ha guidato Khabarovsk SKA
Attaccante di Bruges Dennis sul gol di Zenith: ho detto che segnavo solo grandam, ma era uno scherzo
Difensore PSG Kimpembe Pro 1:2 con il Manchester United: può incolpare solo se stessi
Lopetegui pro 0:0 con il Chelsea: Siviglia ha mostrato un buon gioco di squadra
Rashford sulla vittoria contro il PSG: il Manchester United ha ora una forte posizione nel gruppo
Nagelsmann sulla vittoria contro L'Istanbul: non è completamente soddisfatto del gioco di Lipsia - è stata la stanchezza, non la pressione più efficace