Piazza Venezia 1938? No, Milano 2021. Via Paladini, zona Città Studi. Sembrano immagini del ventennio fascista quelle che mostrano dall’alto il raduno avvenuto lo scorso 29 aprile per commemorare Sergio Ramelli, l’attivista del Fronte della Gioventù ucciso nel capoluogo lombardo 46 anni fa dopo un’aggressione di esponenti di Avanguardia Operaia. Un migliaio di militanti di estrema destra – CasaPound, Forza Nuova, Lealtà Azione, Veneto Fronte Skinhead, Comunità militante dei Dodici Raggi, gruppi ultrà del calcio – sono disposti per file orizzontali e partecipano al rito del “presente” in memoria di Ramelli di fronte al luogo dove è stato ucciso.